#Barcellona. Al Mandanici il Premio Nazionale Critica Teatrale

Angelo Di Genio e Orietta Notari
Angelo Di Genio e Orietta Notari

Consegnati al Teatro Placido Mandanici i premi ANCT, l’Associazione Nazionale Critici Teatrali. L’evento, fortemente voluto dal direttore artistico del Mandanici Sergio Maifredi e dal sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto Roberto Materia, si è tenuto sabato scorso e ha inaugurato ufficialmente la stagione 2016-2017. “Esprimo soddisfazione per la buona riuscita dell’evento -ha ricordato Materia- e mi auguro che il nostro teatro possa essere di aiuto per una ulteriore crescita culturale della città. E con l’appuntamento del 22 ottobre, quando si terrà il concerto dei Tiromancino, spero che i giovani tornino a frequentare i teatri. Nel corso della serata, che si è svolta sabato scorso, il presidente dell’ANCT Giulio Baffi ha ringraziato l’amministrazione comunale per l’ospitalità che ha riservato a questo prestigioso riconoscimento, assegnato a coloro che si sono distinti nel campo della recitazione, della regia e dell’editoria.

Numerosi i premi assegnati. Il premio alla carriera, intitolato al critico teatrale Paolo Emilio Poesio è stato consegnato a Isa Danieli (grande attrice partenopea di teatro, cinema e tv). Il gruppo veneto Anagoor è stato premiato per la sua innovativa ricerca teatrale, quelli del CollettivO CineticO per il teatro-danza, l’attrice Orietta Notari per le sue interpretazioni in Ivanov di Cechov e Gyula – Una piccola storia d’amore di Fulvio Pepel’attore Angelo Di Genio protagonista di Geppetto & Geppetto di Tindaro Granata e il drammaturgo Rosario Palazzolo. A rappresentare Michele Sinisi, attore e regista di Miseria e nobiltà, c’era Gianluca Balestra, presidente di Elsinor Centro di Produzione Teatrale, che ha prodotto lo spettacolo. Valenti torna in scena per il premio ai due spettacoli che hanno segnato la stagione scorsa: Fedra e Santa

Estasi. Sul palco anche Calbi, premiato per il complesso dei progetti presentati dal Teatro di Roma e che hanno prodotto un significativo incremento di pubblico. Premio anche a Editoria & Spettacolo per la sua coraggiosa attività di promozione del teatro in campo editoriale, a Oscar De Summa, attore e regista, il Premio Anct – Hystrio, mentre il Premio Anct – Catarsi – Teatri delle diversità è andato al regista e artista visivo Fabrizio Crisafulli.

Dopo la premiazione abbiamo intervistato gli attori Orietta Notari e Angelo Di Genio. Alla prima chiediamo quale esperienza ha maggiormente segnato la sua carriera di attrice. “La rappresentazione teatrale Un cerchio di Gesso. La protagonista è una donna del popolo che trova un bambino abbandonato e alla fine, attraverso percorsi interiori, gli si affezione talmente da considerarlo suo figlio”. Se potesse tornare indietro cosa ripeterebbe nel suo percorso professionale? “Sicuramente rifrequenterei la scuola del Teatro Stabile di Genova”. C’e’ un attrice alla quale si è ispirata? “No, in realtà ci sono molti colleghi che stimo, ma non mi sono mai ispirata a nessuno in particolare”. Ha interpretato anche tragedie, qual è quella che più l’ha coinvolta? “L’Ofelia in Amleto, la rappresentazione di una donna innamorata che impazzisce per amore, mi ha molto emozionata”.

Ad Angelo Di Genio invece, che è anche un attore televisivo, chiediamo in quale delle fiction interpretate si è divertito di più? “Mi sono sempre divertito molto. Con il regista Vittorio Sindoni, con il quale ho lavorato in Butta la luna 2, mi piacerebbe tornare a lavorare. Sul set c’era anche Fiona May, due volte campionessa mondiale di salto in lungo che avevo conosciuto nel mio passato di atleta. E’ una persona meravigliosa ed è stata un’esperienza bellissima”. Cosa le piacerebbe ripetere? “Sicuramente The History Boys, di Alan Bennett, una commedia interpretata da giovani attori. Abbiamo girato l’Italia divertendoci come fossimo in Erasmus”.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *