Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Baby, remember my name

Mariangela Donato

Mai visti né frequentati ma, sin da bambina, li ho sempre sentiti nominare, per esser stati luoghi e locali storici della nostra city.

Non ricordo il ritrovo Nunnari, ma so, per sentito dire, che i suoi arancini erano favolosi e commuovevano il palato. Come non sapere, poi, che in città c’erano dei negozi dove la Messina bene andava a fare shopping e un ricordo visivo sfocato ce l’ho di Rotino e di Rinciari.

Infine, è giusto citare, il salotto per eccellenza della Messina wow, ritrovo di volti noti nostrani e non: l’Irrera a Mare.

Cerco su Google gli anni d’oro dell’Irrera a mare o semplicemente Irrera a mare e i primi risultati riportano le seguenti parole: Walk of fame. Cosa c’entrerà mai l’Irrera a Mare con la passerella di stelle sul marciapiede di Los Angeles?

La risposta sta in un progetto ideato da Maria Grazia Cucinotta e dal presidente di “Prima Sicilia”, cui stanno lavorando tre architetti con il compito di fare un restyling della Passeggiata a mare che prevede l’inserimento nella pavimentazione di stelle bianche, blu e azzurre formate da due emme, che richiamano la costa e la Falce. In alternativa, stelle tridimensionali, perpendicolari al pavimento, con un’apertura laterale sulla quale si illustra la biografia del personaggio celebrato.

Insomma, una sorta di Walk of fame sulla nostra Passeggiata a mare. Il mio Comune “dal basso” e tutti i gruppi consiliari

hanno condiviso e accolto la proposta per poter far risplendere e dare nuovamente lustro a questa zona che, un tempo, fu appunto ritrovo di vippagine varia.

Mi chiedo adesso, qualora si realizzasse davvero questo progetto, qualora queste stelle prendessero davvero forma sul marciapiede messinese, quale attore di fame internazionale (dal momento che il festival del cinema è a Taormina e non a Messina) verrebbe a visitare la nostra città? Ma soprattutto, quali i nomi sulle stelle?

In una città dove il locale giusto lo si riconosce soltanto se frequentato dal giro giusto (comitiva di bella gente, i viveur messinesi) sarà quindi giusto inserire una stella sul marciapiede messinese che riporti il nome di un Robert de Niro o ricordare Alfredo Reni, essendo il noto e incontrastato dj senza età il re delle notti messinesi?

Perché Julia Roberts, che mai onorerà la nostra city con la sua presenza, quando sarebbe più carino vedere il nome di Patrizia Casale, che da anni legge le notizie in città, con il Buongiorno Messina di Rtp?

Vada quindi per Ninni Bruschetta, Maurizio Marchetti, per la stessa Maria Grazia Cucinotta, perché no Nino Frassica e per il mio compaesano Giuseppe Sulfaro. Stelle nostrane sui nostri marciapiedi, se dev’essere un’iniziativa carina e nuova. E proporrei attori messinesi e personaggi di cui se ne potrà parlare alle generazioni future perché hanno dato qualcosa alla città e hanno fatto parlare di sé per diversi aspetti.

Del resto, le stelle sono tante, milioni di milioni, ma quelle di Messina… saranno qualità! E qualora ne dovesse avanzare una: baby, remember my name!

Mariangela Donato

Speaker radiofonica, blogger, conduttrice tv, mamma, portatrice sana di battute a raffica anche quando è giù di corda e chi più ne ha più ne metta, La Donato “viveur” è una messinese in fissa con il “savoir faire”. Su Sicilians scrive su abitudini e modi di fare soliti e insoliti, nostrani e non, prendendoli e prendendosi un po' in giro. La sua rubrica "Mi state tutti sul tacco" è la penna pettegola e pungente del nostro giornale.