#Augusta. Operazione Mare Sicuro, cambio della guardia al comando

Augusta MarinaMilitare Maresicuro 1 SiciliansCambio della guardia a bordo della fregata Carlo Margottini ormeggiata nella base navale di Augusta alla presenza del Comandante in Capo della Squadra Navale, ammiraglio di squadra Donato Marzano, con l’avvicendamento del comando dell’Operazione Mare Sicuro (O.M.S.) fra il contrammiraglio Alberto Maffeis, comandante le Forze da Pattugliamento per la Sorveglianza e la Costiera, e il contrammiraglio Andrea Cottini, comandante la Stazione Navale di Taranto. Nel corso di oltre due mesi di comando sono stati impegnati a rotazione complessivamente  1.900 militari facenti parte degli equipaggi delle Unità Navali, del personale della Brigata Marina San Marco e delle Forze Aeree, tutti inseriti nel dispositivo aeronavale di sorveglianza marittima che ha consentito di svolgere con successo rilevanti attività.

Tra queste, sorveglianza e protezione delle piattaforme petrolifere di interesse nazionale ubicate in acque internazionali, sorveglianza e protezione dei numerosi pescherecci italiani presenti nelle acque prospicienti la Tunisia e la Libia, deterrenza e contrasto nei confronti del

terrorismo internazionale e di organizzazioni criminali dedite ai traffici illeciti, sorveglianza di Unità non NATO.

Augusta MarinaMilitare Maresicuro 2 SiciliansL’Operazione Mare Sicuro, varata dal Governo a seguito dell’aggravarsi della crisi libica, schiera dal 12 marzo 2015 in un’area di circa 80.000 km2 del Mediterraneo centrale un dispositivo aeronavale con il compito di rafforzare quanto già in atto da parte delle navi della Marina Militare che operano nell’area per garantire la marittima, assicurare la degli interessi nazionali e la protezione delle linee di comunicazione e delle navi commerciali. Tali attività rivestono una importanza fondamentale in un contesto come quello italiano fortemente dipendente dai traffici marittimi e dalla sicurezza sul mare.

Durante la cerimonia di avvicendamento tra il contrammiraglio Alberto Maffeis e il contrammiraglio Andrea Cottini, il Comandante in Capo ha ringraziato il primo per il lavoro svolto anche in condizioni metereologiche impegnative e ha augurato al nuovo responsabile di ottenere altrettanti significativi risultati.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.