Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Attualità. Catania, Polo Tattile Multimediale: un tè al Museo nel Giardino Sensoriale

CATANIA. In occasione dei due appuntamenti di febbraio con la Notte dei Musei, anticipata a venerdì 2 febbraio, e con la Domenica al Museo del 4 dello stesso mese, il Polo Tattile Multimediale, struttura divulgativa della Stamperia Braille di Catania, ha pensato bene di invitare tutti a … un tè. Oltre al consueto tour nel Museo Tattile, nel Giardino Sensoriale e nel Bar al buio, una volta raggiunto lo show room con tutti i più moderni ausili per non vedenti (ci sono tra l’altro molti nuovi arrivi), si assisterà a una dimostrazione. Grazie a un fornello a induzione parlante capace di portare a ebollizione l’acqua in poco più di cento secondi, il responsabile del settore, Luca Grasso, non vedente dalla nascita, preparerà il tè o altre bevande calde per gli ospiti.

Nella giornata di venerdì 2 il Polo Tattile Multimediale rimarrà aperto dalle 19 alle 24 (l’ultimo biglietto sarà staccato alle 23).  Domenica 4 l’orario d’apertura sarà 17 alle 22 (l’ultimo biglietto sarà staccato alle 21).  Per le persone disabili e i loro accompagnatori l’ingresso è gratuito, così come per i bambini con meno di dieci anni. Gli altri visitatori pagheranno un biglietto da due euro e cinquanta centesimi.

“Dopo il successo dello show cooking con un forno a microonde parlante e della dimostrazione con il rivelatore di colori, abbiamo deciso di proseguire con questa nuova iniziativa – ha detto il presidente della Stamperia Braille Nino Novello. Un incentivo in più per venire a scoprire la nostra struttura, che ha ottenuto da Tripadvisor il massimo punteggio tra i musei di Catania con quelli dei Crociferi e dei Pupi”.

In diverse città italiane ed europee si trovano infatti Musei Tattili, Giardini sensoriali, Bar al buio e show room tiflologici anche di considerevole importanza, ma soltanto il Polo Tattile Multimediale di Catania ha tutte queste attrattive insieme.  

Una visita consentirà dunque di toccare con mano i plastici di meravigliosi palazzi (dal Teatro Massimo Bellini al Palazzo degli Elefanti, dal Colosseo alla Moschea Blu di Istanbul) e i quadri in rilievo dipinti da Michelangelo e Caravaggio e sculture come il David di Donatello.  Ma anche di vivere l’esperienza della multisensorialità rimanendo al buio o nel bar dove si servono  bevande e si rimane a chiacchierare o passeggiando bendati in un giardino di essenza.