Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

ATM, firmata la delibera per il dodicesimo di febbraio

Firmata dal commissario Croce la delibera per anticipare l’erogazione del dodicesimo di bilancio di febbraio destinato all’ATM.  Un altro milione 440 mila euro sarà quindi trasferito nelle casse dell’Azienda Trasporti, ma i lavoratori non abbassano la guardia.

I due dodicesimi copriranno a malapena il saldo del mese di ottobre, lo stipendio di novembre e la tredicesima, visto che il milione extra promesso da Croce alcune settimane fa è stato equamente diviso per pagare i contributi Inps e per la transazione con la ditta Ventura, che ha in appalto la manutenzione dei tram, alla quale comunque devono essere pagati altri 2 milioni di arretrati.

“E’ bene chiarire -spiega Michele Barresi, responsabile Orsa Trasporti- che difficilmente i lavoratori vedranno i soldi prima della fine del mese. L’arrivo anticipato del dodicesimo di febbraio è solo un palliativo, perché il mese prossimo saremo punto e a capo e in ogni caso tutto è legato alla firma decreto regionale Salva-Comuni, con il quale dovrebbero arrivare i 40

milioni promessi da Crocetta. E’ indispensabile che il Comune faccia la proria parte per arrivare in tempi brevi ad avviare l’iter per la trasformazione dell’azienda in società per azioni. La Regione deve essere coinvolta in quel  tavolo di trattative che chiediamo da tempo non solo per definire gli interventi necessari per rilanciare l’ATM, ma anche per reperire le risorse necessarie per una reale ripresa della nuova società”.

Sul ruolo che la Regione svolgerà nel futuro dell’ATM l’assessore ai Trasporti Nino Bartolotta è stato sempre molto chiaro e lo ha ribadito ieri durante un incontro con il prefetto Stefano Trotta: l’esecutivo Crocetta è pronto a fare la propria parte quando dal Comune di Messina arriveranno segnali precisi sulla volontà di trasformare l’ATM in società per azioni.

Intanto ieri mattina l’esperto per le partecipate Nino Dalmazio è andato nella sede di via La Farina e da quanto si racconta pare che alle 9 parecchi dirigenti non fossero ancora in azienda. Il direttore generale dell’ATM Conte ed il direttore amministrativo Garufi sono stati convocati in Comune per lunedì mattina e non è escluso che i problemi economici dell’ATM non siano l’unico argomento che si affronterà.