Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Ascanio Celestini sul palcoscenico di Forte San Jachiddu a Messina

L’evento più atteso della stagione teatrale estiva messinese è giunto. A salire sul palcoscenico del Forte Teatro Festival, nell’incantevole cornice naturale del Parco ecologico San Jachiddu questa sera alle 21 Ascanio Celestini con lo spettacolo “Storie e Controstorie – Racconti d’estate”.

Un appuntamento attesissimo che vede esibirsi per la prima volta a Messina uno degli artisti più poliedrici e intellettualmente sferzanti dell’attuale panorama culturale italiano. Attore teatrale, regista cinematografico, scrittore e drammaturgo, Ascanio Celestini conclude in sé il magico accordo tra il narcisismo dell’artista e l’ impegno civile dell’intellettuale.

E’ considerato uno dei maggiori rappresentanti della seconda generazione del teatro di narrazione, la cui poetica si regge sulla figura dell’attore-autore, anello di congiunzione tra pubblico e protagonisti.

Tra i tanti, numerosi riconoscimenti per la propria attività artistica (Ciak d’oro come miglior opera prima con il film “La pecora nera”, Premio

Flaiano, Premio Bagutta per il libro “Storie di uno scemo di guerra”) nel 2002 riceve il Premio Ubu speciale “per la capacità di cantare attraverso la cronaca la storia di oggi come mito e viceversa”.

“Storie e Controstorie” non è solo un’opera di assoluta ironia, ma l’incarnazione della natura mutevole del racconto in sé. Un “puzzle sentimentale, emotivo, politico” che cambia continuamente, raccontandoci di noi, degli altri, del nostro Paese. I racconti, le barzellette si incastrano tra loro fino ad erigere un grande specchio rivolto verso il pubblico. A quel punto, il passaggio dal comico alla tragedia può essere estremamente breve e pericoloso.

Prossimo spettacolo il 25 luglio alle 21, 120 chili di jazz, regia di Cèsar BrieA conclusione di ogni singolo spettacolo il Dopofestival del Forte, un momento in cui attori e pubblico hanno la possibilità di incontrarsi, mangiare e bere insieme, condividendo la bellezza del Parco ecologico San Jachiddu.