Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Arrestato il vivandiere dei latitanti mafiosi Mignacca

Franco Incardona

Finisce in carcere anche il vivandiere dei latitanti mafiosi Calogero e Vinvenzo Mignacca. Le indagini che hanno consentito l’individuazione del covo dei due fratelli barcellonesi oggi hanno condotto in carcere l’ottavo uomo.

E’ Franco Incardona, bracciante agricolo, incensurato, classe 1964, di Francofonte. L’insospettabile fiancheggiatore, con il ruolo di vivandiere ha garantito la latitanza dei due pericolosi criminali, uno dei quali, Vincenzo, si è ucciso durante l’irruzione.

Sulla base degli

elementi raccolti dai carabinieri del Nucleo Investigativo, la Direzione Distrettuale Antimafia di Messina ha emesso un decreto di fermo di indiziato di delitto nei confronti di Incardona, accusato di favoreggiamento aggravato commesso per agevolare l’associazione mafiosa.

Ad arrestarlo nelle prime ore del mattino a Francofonte, in provincia di Siracusa, i carabinieri dei Comandi Provinciali di Messina, Catania e Siracusa.

Il bracciante agricolo avrebbe aiutato i due latitanti appartenenti alle cosche barcellonesi rifornendoli di acqua e cibo e recapitando loro anche i quotidiani.

Incardona è stato rinchiuso nella Casa circondariale di Siracusa, dove è a disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Messina.