Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Alta velocità in Sicilia, Crocetta promette l’accordo per febbraio

Vicina la svolta per i collegamenti in Sicilia, almeno per quelli interni all’Isola. Il presidente della Regione Crocetta ieri in serata ha dichiarato all’Ansa che entro metà febbraio sarà chiuso l’accordo per l’Alta velocità in Sicilia, che porterebbe a valorizzare i collegamenti nel triangolo Palermo, Messina, Catania.

Previsto un investimento da 10 miliardi di euro per la costruzione del doppio binario ed i collegamenti tra gli aeroporti di Catania e Palermo, che sarebbero velocizzati in modo da essere coperti in 2 ore e 20 minuti rispetto alle attuali 4 ore e mezza.

Tra i progetti in discussione,

anche quello di realizzare un network di ferro per collegare i porti di Catania, Augusta, Messina, Termini Imerese, Marsala e Trapani con i rispettivi aeroporti di Catania, Trapani, Comiso e Palermo.

“Inoltre -ha aggiunto il presidente – intendo avviare anche una rinegoziazione dell’area sud che collega i siti più importanti d’Europa: Siracusa, Gela, Agrigento, Eraclea e Tindari”.

Insomma, un progetto ambizioso che mira a togliere il centro della Sicilia dall’isolamento. Per la prima fase sarebbero già stati stanziati 2 miliardi di euro. Resta tuttavia il nodo su come arrivare in Sicilia. Una regione che, come denunciato invano più volte dai politici messinesi, sembra essere stata abbandonata sia dal Gruppo Ferrovie dello Stato sia dalle compagnie aeree.

Valentina Guerrera

Siciliana trapiantata a Roma da un po’ di anni. Si occupa di comunicazione, in particolare ufficio stampa e digital pr, in ambito istituzionale e politico. La passione per la sua terra e per il buon cibo l'ha portata a creare, in società, "Agromobile - La mappa del gusto", un portale per scoprire la Sicilia attraverso le sue eccellenze agroalimentari ed enogastronomiche. Divoratrice di libri, instancabile praticante di yoga e viaggiatrice quanto più possibile. Per Sicilians segue da Roma i politici locali.