Allerta meteo in Sicilia. La Protezione Civile: “Piogge intense e vento forte”

Foto Paolo Furrer
Foto Paolo Furrer

La Sicilia si prepara a fronteggiare una nuova ondata di maltempo. Allerta meteo da mezzanotte e nelle 24-36 ore successive si prevedono piogge intense, fulmini e forti raffiche di vento.

“Una corrente instabile proveniente dal sud e associata ad una bassa pressione mediterranea -spiegano dalla Protezione Civile nazionale– continuerà a interessare il nostro Paese domani, dando luogo a fenomeni sparsi, anche temporaleschi, sulle regioni centro-meridionali.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare

delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it) e saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento  “.

L’ondata di maltempo inizierà in Sicilia, per poi allargarsi  a Lazio, Calabria, Basilicata e Puglia, in particolare nelle zone ioniche. “Sulla base dei fenomeni previsti -puntualizza la Protezione Civile- è stata valutata per domani criticità arancione per rischio idrogeologico localizzato su tutta la Sicilia. Sono invece in criticità gialla per rischio idrogeologico tutta l’Italia meridionale, il Lazio, parte dell’Umbria e le isole toscane”.

Notizie e aggiornamenti su www.protezionecivile.gov.it, nel quale si possono leggere anche le norme comportamentali in caso di maltempo. Le informazioni a livello regionale sono gestite dalla Protezione Civile Regionale.

Elio Granlombardo

Ama visceralmente la Sicilia e non si rassegna alla politica calata dall’alto. La “sua” politica è quella con la “P” maiuscola e non permette a nessuno di dimenticarlo. Per Sicilians segue l'agorà messinese, ma di tanto in tanto si spinge fino a Palermo per seguire le vicende regionali di un settore sempre più incomprensibile e ripiegato su se stesso. Non sopporta di essere fotografato e, neanche a dirlo, il suo libro preferito è “Conversazione in Sicilia” di Elio Vittorini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.