Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Allarme della Cisl FP, a rischio i fondi del secondo Palazzo di Giustizia

Palazzo Piacentini

“Bisogna fare presto, Messina non può perdere l’opportunità di risolvere una volta per tutte l’annoso problema del secondo Palazzo di Giustizia”.

L’invito arriva dalla Cisl Funzione Pubblica al termine dell’incontro convocato a Palazzo Piacentini dal presidente della Corte d’Appello Nicolò Fazio, al quale ha partecipato il segretario provinciale Enza Ruggeri.

“Bisogna porre fine al balletto degli equivoci -puntualizza il sindacato- e trovare una soluzione che sia definitiva. Basta con ipotesi parziali o precarie che lascerebbero in piedi fitti passivi, che oggi ammontano a circa 2 milioni di euro”.

Il rischio paventato è che si perda un finanziamento di 17 milioni di euro per la realizzazione del nuovo tribunale, che il ministero della Giustizia potrebbe dirottare altrove.

“La Casa dello Studente di via Cesare Battisti -spiega la Cisl FP- potrebbe essere una soluzione valida, percorribile purché si trovi soluzione

alternativa per l’ospitalità della popolazione studentesca. Siamo dell’idea che debbano essere valutate le condizioni economiche, tecniche, urbanistiche e architettoniche per eventualmente sostituire l’attuale edificio con una nuova costruzione che potrebbe risolvere definitivamente il nodo legato agli uffici della Giustizia a Messina”.

L’obiettivo illustrato dalla Cisl Fp è quello di “eliminare i fitti passivi pagati per uffici fatiscenti e poco fruibili dai dipendenti, gli addetti e l’utenza e garantire importanti risparmi che per una parte, utilizzando le normative vigenti, potrebbero incrementare il livello oggi molto basso del salario di produttività dei lavoratori”.

La Cisl FP ha chiesto la convocazione di un tavolo per la presentazione, da parte dei tecnici delle parti interessate, di una mappatura di tutti gli uffici giudiziari del territorio cittadino che dovrebbero trovare allocazione nei nuovi uffici giudiziari.

“Si abbia la piena contezza -conclude il sindacato- di quali e quanti sono gli uffici da trasferire o rischiano di restare fuori, per valutare anche la sostenibilità economica in base alle somme messe a disposizione da parte del ministero”.