Al teatro Vittorio Emanuele una riflessione sull’identità con “Linee d’ombra”

Linee d'ombraAd un anno esatto dalla messa in scena di “ConTatto”,  debutto assolutamente vincente della Compagnia di danza contemporanea diretta dalla messinese Sarah Lanza, la Vibrazioni Dance Company torna a calcare il palco del Teatro Vittorio Emanuele il 16 alle 21 con una nuova produzione dal titolo “Linee d’ombra”, che porta in scena una nuova riflessione per il suo pubblico, questa volta più provocatoria e tagliente: l’identità.

Le quattro interpreti in scena (Giuliana Cocuzza, Simona Fichera, Sarah Lanza e Laura Licciardello), inizialmente manovrate, omologate e “costrette” da una società senza morale, vestiranno poi i panni di

alcune delle personalità più gettonate dei nostri tempi, per poi affrontare un viaggio alla spasmodica ricerca dell’autenticità; un viaggio di purificazione che parte quindi da una macrovisione “infernale” di burattini manovrati dal sistema – l’ombra dell’apparire – che termina nella “paradisiaca” e più spontanea essenza dell’uomo, totalmente priva di sovrastrutture – la sottile linea dell’essere. Quando cade la maschera? quando si attraversa lo specchio di ciò che vogliamo e crediamo essere? qual è il labile confine tra essere e apparire? Quesiti trasformati in arte, nella forma elegante della danza, così da sembrare leggeri, trasportati da un quadro all’altro come dal vento, ma chiaramente penetranti e pronti a interrogare chi non ha paura di affrontare il conflitto, consapevole che solo dietro questo esistono le più splendenti forme dell’essere. Lo spettacolo rientra nella stagione dell’Associazione musicale V.Bellini.

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *