Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Agricoltura, accordo Regione-Abi per i giovani

E’ stato firmato a Palermo, nelle sede dell’assessorato regionale alle Risorse agricole un protocollo d’intesa tra Regione Siciliana, Abi (Associazione bancaria italiana) e assicurazioni per finanziare i giovani imprenditori del settore agricolo. Giovani e agricoltura e’ un binomio possibile. E’ un ulteriore segnale di attenzione e sostegno da parte dell’Amministrazione regionale verso i giovani agricoltori siciliani. Un risultato importante che si colloca in linea di continuita’ con i progetti gia’ intrapresi grazie alla costituzione del Fondo di garanzia del PSR Sicilia 2007-2013 (ammontante a circa 37 milioni di euro) e l’accordo con la Societa’ di gestione dei fondi per l’agroalimentare (SGFA) per il rilascio della G-Card (Green Card).

L’intesa firmata ieri facilita l’esecuzione degli investimenti da parte dei giovani agricoltori ammessi alla Misura 112 del PSR Sicilia 2007-2013, ovvero di eta’ inferiore ai 40 anni e che decidono di avviare un’azienda agricola. A seguito dell’emanazione del Decreto di concessione dell’aiuto per la Misura 112 del PSR Sicilia 2007-2013 da parte della Regione siciliana, il giovane agricoltore puo’ accedere a un anticipo contributivo concesso da un’assicurazione convenzionata e ad un finanziamento bancario a copertura della propria quota privata. Questa prassi determina una maggiore facilita’ di accesso al credito per i giovani imprenditori agricoli, e contestualmente, maggiori garanzie per il sistema bancario e le assicurazioni. Per le banche e’ importante specificare che la presenza di un soggetto terzo, come SGFA, rappresenta la possibilita’ di godere di una garanzia diretta rispetto alle somme finanziate.

Per Rosaria Barresi, Autorita’ di Gestione del Psr Sicilia 2007-2013, “sono circa 4.250 le richieste di finanziamento pervenute da parte di giovani che con entusiasmo vogliano insediarsi nel modo delle produzioni agroalimentari. Tra questi, 1.200 progetti sono gia’ stati ritenuti finanziabili”.

L’agricoltore che sta per avviare la propria attivita’, dovra’ accendere un conto corrente di servizio dedicato al progetto di spesa, indicando la banca di riferimento e la societa’ assicurativa prescelta.

Viene stimolata anche la reciprocita’ tra banche ed assicurazioni, per il rilascio consapevole della delibera di fidejussione e della delibera condizionata di finanziamento, favorendo in tal modo anche il flusso informativo tra gli uffici dell’Amministrazione regionale, le banche e le assicurazioni convenzionate. 

Queste sono le banche che hanno gia’ aderito al protocollo: Intesa Sanpaolo, Banca Sella, UniCredit, Banca Monte dei Paschi di Siena, Banca Agricola Popolare di Ragusa, Federazione Siciliana della Banche di Credito Cooperativo, Banca Nuova, Unipol Banca. Tra le assicurazioni invece, gia’ confermata la presenza di Olimpia Insurance Broker. 

Si tratta di nuove opportunita’ di investimento che consentiranno dunque il ricambio generazionale del mondo agricolo, contribuendo a rendere il settore maggiormente attrattivo, piu’ differenziato e multifunzionale, realmente proiettato verso i mercati globalizzati ed il futuro.