Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Adaline – l’eterna giovinezza

AdalineAdaline – l’eterna giovinezza

Paese: U.S.A.

Genere: Drammatico

Durata: 109 minuti

Regia: Lee Toland Krieger

Prende le mosse da Il ritratto di Dorian Gray questo drammone dai toni sentimentali diretto dal giovane californiano Lee Toland Krieger, ma per fortuna non si tratta dell’ennesimo rifacimento.

Adaline, nata agli inizi del secolo, ha un misterioso incidente con la macchina e inspiegabilmente da quel momento smette di invecchiare. La donna rimane inchiodata all’età di 29 anni e attraversa il Ventesimo secolo con un volto e un corpo eternamente giovani.

Tuttavia si ritira in un isolamento volontario per impedire che qualcuno scopra il suo segreto. Dopo molti anni incontrerà un giovane, Ellis Jones, che la farà innamorare e che le farà riscoprire il piacere di vivere a pieno la

propria vita.

Come detto, questa storia oscura e romantica prende le mosse dal celebre romanzo di Oscar Wilde, ma non è proprio il caso di gridare al plagio: la storia è solida e indipendente, narrata dalla voce dello stesso Ellis, che ben accompagna la narrazione.

Quando poi entrano in ballo i genitori di Ellis (interpretati magistralmente da Harrison Ford e Kathy Baker), che il giovane tiene particolarmente a presentare alla sua amata, la storia prende anche più mordente. I rapporti e i dialoghi con i due genitori generano una serie di potenziali pericoli che rischiano di portare alla luce i segreti di Adaline.

A questo punto Krieger con buon occhio, rallenta la narrazione, contribuendo a far aumentare nello spettatore l’aspettativa per il prosieguo della vicenda, che si assesta su toni cupi e melanconici. Una buona storia rosa, dal gradevole retrogusto amaro. Consigliato alle coppie in vena di romanticismo.

Paolo Failla

Sano di mente nonostante un'infanzia con classici Disney e cartoni animati giapponesi, il battesimo del fuoco arriva con i film di Bud Spencer e Terence Hill, le cui opere sono tutt'ora alla base della sua visione sull'ordine del cosmo. Durante l'adolescenza conosce le opere di Coppola, i due Scott, Scorsese, Cameron, Zemeckis, De Palma, Fellini, Monicelli, Avati, Steno e altri ancora. Su tutti Lucas e Spielberg . Si vocifera che sia in grado di parlare di qualsiasi argomento esprimendosi solo con citazioni varie. Ha conosciuto le vie della Forza con una maratona di Star Wars di oltre 13 ore.