Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

A Vibo Valentia il Città di Messina si regala una domenica di gioia

Gaetano Di Maria

Una grande prestazione della squadra e due splendidi gol dell’attaccante palermitano consentono al gruppo di Di Maria di centrare il primo successo stagionale.

Manfrè sblocca al 27′ con un’acrobazia sugli sviluppi di un corner e raddoppia al 21′ della ripresa con una bordata dai 20 metri. Al 3′ di recupero il gol di Marasco che fissa il punteggio sull’1-2 finale.

Una prova di spessore, due goal da cineteca e una vittoria che ripaga delle amarezze che hanno contrassegnato le prime due giornate. Il Città di Messina supera in trasferta la Vibonese e si regala finalmente una meritata domenica di gioia.

Protagonista assoluto dell’incontro Vincenzo Manfrè, autore delle due reti che consegnano i tre punti alla squadra di Gaetano Di Maria. L’attaccante palermitano sblocca il punteggio nel primo tempo con una rovesciata da distanza ravvicinata su corner di Vella e raddoppia nella ripresa con un gran destro dalla distanza che si insacca all’incrocio dei pali.

Da lodare, però, prima di tutto la grande prestazione della squadra, che ha giocato con vigore e personalità cogliendo un successo limpido e importantissimo.

Di Maria, oggi costretto a scontare un turno di stop, conferma integralmente l’undici che la settimana scorsa ha sfiorato il successo con l’Agropoli: 4-3-1-2 con Fazzino tra i pali, Brancato, Cammaroto, Nastasi e Trovato in difesa, Cucè, Seck e Munafò a centrocampo, Camarda nel ruolo di rifinitore, Vella e Manfrè di punta. Nella Vibonese in cabina di regia c’è l’ex Gino Giardina.

Il Città di Messina subito vivace in avvio e pericolosissimo al 7′: Camarda si incarica di una punizione dal limite, il suo destro a giro è preciso e scavalca la barriera ma il portiere Rana si distende bene e devia il pallone sul palo.

La Vibonese replica al 13′: cross di De Cristofaro da sinistra, il pallone attraversa tutta l’area, dall’altra parte arriva Cosenza ma il suo diagonale è largo. Gli ospiti si rivedono in avanti al 15′, ancora con Camarda: il destro a giro dal limite del capitano finisce di pochissimo oltre la traversa.

Vicino al gol poco dopo, al 18′, anche Manfrè: sul cross da destra di Vella, il numero 9 ospite calcia al volo ma la sua girata termina alta per un soffio. Al 26′ Camarda cerca ancora il gol con un destro a giro dal limite che costringe Rana alla deviazione in angolo. Sul corner che segue, battuto da Vella, Manfrè si coordina splendidamente nello stretto e in rovesciata realizza il gol che porta in vantaggio i suoi.

Per la punta palermitana seconda rete consecutiva in campionato. Subìto il gol, la Vibonese prova a scuotersi ma la girata di Porpora al 31′, sugli sgiluppi di un corner, è fuori misura. Più pericoloso al 41′ Lombardi, che colpisce di testa da distanza ravvicinata, su cross di Koffi, ma manda a lato. Al 43′ ci prova anche Marasco ma il suo destro dal limite non è preciso. Dopo 3′ di recupero, si va

al riposo con il Città di Messina meritatamente in vantaggio.

Cammaroto e compagni iniziano con il piglio giusto anche la ripresa: al 2′ sponda di Manfrè e gran botta dal limite di Munafò neutralizzata in due tempi da Rana. Con il passare dei minuti la Vibonese inizia però a guadagnare metri e ad avvicinarsi in più occasioni alla porta avversaria. Al 9′ cross di Marasco da sinistra e colpo di testa del nuovo entrato De Angelis che, da due passi, grazia Fazzino spedendo a lato. Al 10′ i padroni di casa reclamano il rigore per un presunto tocco di mani in area di Cucè, ma l’arbitro non interviene.

All’11’ corner di De Angelis, mischia in area e deviazione ravvicinata di Lombardi. Tiro debole, facile per Fazzino. Al 19′ ancora una chance per De Angelis, che servito da Curcio di testa da centro area non trova la porta. Al 21′ il Città di Messina colpisce ancora. Vella va via in contropiede a sinistra e cambia gioco trovando Manfrè dalla parte opposta, l’attaccante lascia ribalzare il pallone, si coordina e dai 20 metri lascia partire un gran destro che si infila sotto l’incrocio.

Doppietta di gran classe e terzo gol in campionato per il numero 9 del Città di Messina. La Vibonese prova subito a rientrare in partita, ma il colpo di testa di Lomabrdi al 22′ è fuori misura. Al 26′ primo cambio tra gli ospiti. Costa fa il suo debutto in Serie D rimpiazzando Cucè.

Al 32′ Vella da posizione defilata impegna ancora Rana, che manda in corner. Al 36′ dentro anche Bruno per Vella. Al 44′ l’ultimo cambio, con Manfrè che esce tra gli applausi del pubblico di casa ed è sostituito da Fragapane, anche lui all’esordio in quinta serie. La Vibonese, con il passare dei minuti, sembra rassegnata alla sconfitta ma al 48′ ha un sussulto.

Marasco riceve da De Angelis in area e da posizione ravvicinata supera Fazzino. Troppo tardi per i calabresi, il Città di Messina gestisce al meglio i restanti due minuti di gioco e porta a casa una vittoria preziosissima, la prima stagionale, che proietta la formazione di Di Maria a quota 4 punti dopo tre giornate. Domenica al “Celeste” derby con l’Orlandina.

Il tabellino

Serie D, Girone I ? 3ª giornata
Stadio Luigi Razza di Vibo Valentia, domenica 15 settembre 2013

Vibonese – Città di Messina 1-2

Marcatori: 27′ pt Manfrè (CdM), 21′ st Manfrè (CdM), 48′ st Marasco (CdM).

Vibonese: Rana, Barreca, Diby Koffi, De Cristofaro, Porpora, Kalambay, Da Dalt (1′ st De Angelis), Giardina, Marasco, Cosenza (34′ pt Curcio), Lombardi (28′ st Spadari). In panchina: Cafagna, Caterisano, Urbano, Calabretta, Soda, Cosentino. Allenatore: Antonio Soda.

Città di Messina: Fazzino, Brancato, Gio. Cammaroto, Munafò, Nastasi, Trovato, Cucè (26′ st Costa), Seck, Manfrè (44′ st Fragapane), Camarda, Vella (36′ st Bruno). In panchina: Mannino, Bonamonte, Portovenero, Cappello, Busà, Calogero. Allenatore: Gaetano Di Maria (squalificato, in panchina Antonino Panarello).

Arbitro: Paride De Angeli della sezione di Abbiategrasso.
Assistenti: Santo Burgi della sezione di Matera e Antonio Dan Campanella della sezione di Venosa.

Ammoniti: 37′ pt De Cristofaro (V),3′ st Marasco (V), 5′ st Seck (CdM), 14′ st Curcio (V), 35′ st Camarda (CdM).
Espulsi: nessuno.

Recupero: 3′ pt, 5′ st.