Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

A Palazzo dei Leoni si discute di etica e legalità nella PA

“Etica e legalità nella Pubblica Amministrazione”, questo il tema del convegno organizzato alla Provincia in occasione della Giornata internazionale contro la corruzione, con la partecipazione di segretari generali, dirigenti e dipendenti di vari enti pubblici siciliani.

L’evento, promosso dalla segreteria generale della Provincia regionale, conclude il percorso formativo avviato nei giorni scorsi con una serie di seminari rivolti ai dirigenti ed ai funzionari dell’Ente per far conoscere e diffondere i contenuti della normativa nazionale anticorruzione e per rafforzare legalità e trasparenza all’interno della Pubblica amministrazione.

I lavori sono stati inaugurati dal commissario straordinario della Provincia regionale Filippo Romano e dal segretario generale Maria Angela Caponetti, che ha assunto nell’Ente anche l’incarico di responsabile per la prevenzione della corruzione.

“La Provincia di Messina -ha spiegato il commissario Filippo Romano- è particolarmente sensibile ai temi della legalità e

della buona amministrazione. L’Ente, inoltre, è dotato di un sistema di controlli interni e del Piano della trasparenza delle attività amministrative, ha già predisposto il primo Piano triennale in via sperimentale, in collaborazione con la Prefettura e un gruppo di segretari tra i quali la dottoressa Caponetti. L’integrità delle Pubbliche Amministrazioni rappresenta la condizione indispensabile per restituire ai cittadini fiducia nelle istituzioni e offrire alla comunità i migliori servizi”.

Il segretario generale Maria Angela Caponetti ha affermato che “è importante diffondere negli Enti locali e nella Pubblica amministrazione, sia centrale che periferica, la cultura dell’ integrità per prevenire il fenomeno della corruzione. La formazione, ha un ruolo primario nella prevenzione così come le regole di trasparenza nell’ attività e l ‘adozione di meccanismi di controllo interno ed esterno attraverso l’accessibilità alle informazioni”.

Il processo formativo ha interessato anche gli alunni degli istituti scolastici superiori, che hanno prodotto elaborati tematici e grafici esplicativi, e il cui contributo di sensibilità e partecipazione al tema dell’anticorruzione sarà valorizzato nel corso della manifestazione di oggi.