Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

9 agosto 16.43 Antimafia, D’Alia (UDC): “Bene Armao, dal Governo “codicicchio” contro la Sicilia

“Siamo pienamente d’accordo con l’Assessore Armao: il presunto codice Antimafia voluto dal Governo è un ‘codicicchio’ che penalizza fortemente la Sicilia”. Lo dice il presidente dei senatori dell’Udc e coordinatore regionale siciliano del partito, Gianpiero D’Alia, commentando l’intenzione della Regione Sicilia di ricorrere alla Corte Costituzionale contro il decreto che istituisce il Codice Antimafia.

“Contro ‘questo’ codice antimafia voluto dal Governo ‘legge e ordine’ – aggiunge D’Alia – ci siamo battuti sin

dall’inizio presentando una nostra proposta di legge per affidare alla Sicilia i beni confiscati sul suo territorio. E continueremo a opporci perché è stato lo stesso Governo a stralciare i primi dieci articoli del provvedimento. Segno evidente che il testo entrato in Parlamento proprio non funzionava”.

Accanto alle preoccupazioni segnalate da Armao in tema di beni confiscati, il capogruppo centrista osserva che “il testo del decreto è ancora troppo arretrato soprattutto sulle certificazioni antimafia e sul reato di concorso esterno”.