Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

8 settembre 17.38 Vertenza ex Multiservizi, le 45 Guardie venatori si incatenano alla Provincia

Attendono la risoluzione della vertenza ex Multiservizi da un anno e 8 mesi. Ma la pazienza è finita da tempo e, oggi, è sfociata nella disperazione. Così 45 lavoratori della ex Multiservizi, la società che gestiva il servizio di Guardie Venatorie per conto della Provincia di Messina, si sono incatenati all’ingresso di Palazzo dei Leoni. “Sinora – sottolineano i segretari di Fai Cisl Calogero Cipriano, Flai Cgil Giovanni Mastroeni e Uila Uil Salvatore Orlando – abbiamo assistito soltanto a prese in giro. Abbiamo proposto diverse possibili soluzioni alla vertenza e, a turno, ci hanno sempre detto che non era possibile. Il 4 agosto scorso, al termine di tre giorni di occupazione dell’aula consiliare della Provincia, il presidente Ricevuto ha preso l’impegno ad effettuare la gara a trattativa privata per avviare il servizio. Anche perché – ricordano i sindacalisti di Fai, Flai e Uila – il servizio di vigilanza venatoria è
obbligatorio per legge e in questo momento la Provincia di Messina ne è sprovvisto”.

La decisione di incatenarsi all’ingresso del Palazzo provinciale è stata presa dai lavoratori a tempo indeterminato. Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil hanno chiesto immediatamente un confronto con l’amministrazione provinciale
e, nel contempo, hanno inviato una nota al Prefetto con la richiesta di un incontro urgente al quale partecipi anche il Presidente della Provincia.  “Al Prefetto – hanno scritto Cipriano, Mastroeni e Orlando – abbiamo ribadito come la Provincia di Messina sia obbligata per legge a far partire il servizio di vigilanza venatoria, considerato anche che la stagione della caccia si è già aperta da giorni”.