Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

8 settembre 10.37 Senzatetto, dura nota del PD dopo le dichiarazioni dell’assessore Caroniti

“Sorprendono le dichiarazioni dell’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Messina in merito alle numerose famiglie che ormai occupano le aree abbandonate della città -scrivono il segretario cittadino del PD Giuseppe Grioli e il responsabile delle politichge sociali Emanuele Tripodo.

Senza alcun dubbio il rispetto delle regole è fondamento per la convivenza civile di una comunità, ma sostenere che non vi è alcun risvolto di tipo sociale nella circostanza che persone dormano per strada, sotto un ponte o in un rudere in condizioni igienico sanitarie pessime è davvero troppo.

Le forze dell’ordine hanno il compito di sgomberare, accertare i permessi di soggiorno per gli extracomunitari, verificare se si configurano reati, ma riteniamo che l’assessore alle politiche sociali avrebbe forse l’onere di guardare all’aspetto umano della vicenda.

Se è vero che la politica dovrebbe mettere al centro la persona, di qualsiasi colore o etnia essa sia, dovremmo registrare che nella nostra città dei poveri, dei senza tetto, del disagio sociale se ne occupa principalmente la caritas, il volontariato, le comunità di accoglienza e gli ordini religiosi che dal Comune ricevono spesso solo una pacca sulle spalle.

Da anni tali associazioni chiedono alle istituzioni di realizzare un centro di accoglienza per affrontare il problema dei senza tetto, che non sono solo Romeni, ce ne sono anche di italiani e messinesi. Pare che però non si siano trovate risorse per realizzarlo. La politica della tolleranza zero, esibita dall’Amministrazione Buzzanca dovrebbe essere accompagnata da politiche sociali che guardino con più attenzioni alle condizioni di vita di uomini, donne e bambini. Zafferia, la zona di Mare Grosso, il Ponte di S. Filippo sono pochi casi che balzano alla cronaca perché molto visibili, ma in città di tuguri di fortuna realizzati sotto i ponti e in casolari abbandonati, o in industrie dismesse ce ne sono parecchi. Non dimentichiamo che proprio a Messina qualcuno è morto di stenti per strada a causa del freddo, in quell’occasione tutti ci siamo commossi, impietositi e ci siamo chiesti come sia possibile che ciò accada in una città metropolitana. Le regole devono essere rispettate, bisogna lottare contro l’abusivismo di qualsiasi natura esso sia, ma delle persone che per scelta o per necessità dormono per strada qualcuno se ne deve occupare e non solo quando deturpano il decoro urbano”.