Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

8 maggio 07.30 Il Parlamento europeo approva relazione contro il crimine organizzato

Sonia Alfano

“Non posso che essere soddisfatta per questo primo importante traguardo. La criminalità organizzata è riuscita a globalizzare la propria influenza e ad invadere territori che sembravano immuni da contaminazioni. Il lavoro della CRIM punta a sovvertire questo stato di cose. L’adozione di questo primo rapporto, dopo mesi di duro lavoro, è molto importante per il percorso programmatico della Commissione. Certo si tratta di un primo passo e tanti sono gli aspetti ancora da approfondire e affrontare ma è stata posta la base per quanto faremo nei prossimi mesi”.

A dichiararlo Sonia Alfano, Presidente della Commissione CRIM

(sul crimine organizzato, la corruzione e il riciclaggio di denaro) del Parlamento Europeo, a margine della votazione con cui i deputati hanno adottato la relazione intermedia, che contiene una serie di raccomandazioni preliminari. La relazione invita la Commissione a presentare proposte legislative e a rafforzare la cooperazione investigativo-giudiziaria a livello europeo e internazionale. Chiede anche dei codici deontologici molto più rigidi per i partiti politici e una maggiore protezione dei testimoni di giustizia. Sonia Alfano si è complimentata in aula con il relatore, Salvatore Iacolino (PPE).

“Bisogna assolutamente neutralizzare il rapporto mafia-politica, la corruzione e il riciclaggio di denaro – aggiunge Sonia Alfano – con strumenti efficaci. Stiamo lavorando con grande impegno per individuare quelli più idonei per combattere questi fenomeni a livello globale. L’Ue – conclude – non può più aspettare”.