Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

7 luglio 07.30 Dismissione immobili comunali, il 26 luglio all’asta l’ex macello comunale

Dopo l’approvazione dei giorni scorsi da parte della Giunta municipale, della deliberazione relativa alla vendita di 4 immobili di proprietà comunale inseriti nel piano delle alienazioni e valorizzazioni, per l’importo complessivo di 5.133.240 euro, il sindaco, on. Giuseppe Buzzanca, ha fissato la data dell’asta pubblica che si svolgerà con le modalità indicate nel bando il 26 luglio, alle ore 9. Si tratta dell’ultimo esperimento di gara per la vendita dell’ex Macello Comunale di via S. Cecilia, per il quale questa volta è stato predisposto un progetto di valorizzazione approvato sia dal Comune che dalla Soprintendenza, per la realizzazione di un centro commerciale e direzionale nel quale è possibile anche ubicare uffici, per una superficie complessiva di circa 7.550 metri quadrati oltre ad una piastra per parcheggi di circa 4.000 metri quadrati. Si tratta di una opportunità per gli operatori commerciali di acquisire ad un ottimo prezzo (3.820.000 euro) un’immobile ubicato al centro della città, nel quale è possibile avviare attività commerciali e direzionali, dotato di ampi parcheggi di progetto e, cosa più importante, già corredato da progetti approvati compresi nel prezzo di vendita. Altro bene in vendita, già dotato di progetto di valorizzazione approvato dalla Commissione Edilizia Comunale, è l’area ex AMAM di Gavitelli, un compendio immobiliare dove è stata prevista la realizzazione di una struttura sanitaria privata, nella quale è possibile realizzare una clinica o un centro per anziani, o qualsiasi altra attività compatibile con la specifica destinazione urbanistica. L’immobile, utilizzato in passato come autoparco officine ed uffici AMAM, insiste su una superficie complessiva di circa mq 1270, ed urbanisticamente ricade in zona B5b, soggetta quindi ad intervento di piano di recupero giusto art.40 delle N.T.A. vigenti. L’indice territoriale è 3mc/mq e l’altezza massima consentita è pari ad 11 mt f.t.. La progettazione approvata rende il lotto isolato dal contesto attraverso la costruzione di un anello viabile che consentirà la fluidificazione del traffico nella zona migliorandone l’accesso. Si è infatti previsto l’ampliamento del primo tratto della strada denominata vallone Castellaccio, sul retro del lotto invece, si è ipotizzata una strada carrabile, di isolamento dal contesto, realizzata in parte su soletta di copertura del parcheggio di pertinenza della struttura polifunzionale posto a quota di 1,50 mt. La strada permetterà la rotatoria attorno al lotto e la riorganizzazione dei parcheggi auto che saranno a corredo degli standard urbanistici. Il prezzo a base d’asta, è di 1.067.000 euro. Altri due beni andranno in vendita nella stessa seduta ed interesseranno la ex scuola di Gesso Stazione, un vecchio immobile di circa 100 metri quadrati con annessa corte esterna, in pessime condizioni di manutenzione, al prezzo di 21.240 euro, ed un’area di circa 1350 metri quadrati in zona ASI, nella quale è possibile realizzare capannoni, quest’ultima al prezzo di partenza di 225.000 euro. In questa area sono insediati tre nuclei familiari che il Comune si impegna a sistemare nel caso il bene venga acquistato. Si tratta di opportunità di acquisto tutt’altro che prive di interesse per gli operatori del settore, che permetteranno vere e proprie operazioni di risanamento di aree degradate che il Comune intende portare avanti. L’intera documentazione ed i progetti degli interventi, già in pubblicazione, sono disponibili al Servizio Dismissioni del Comune di Messina, in via Sacchi 12 tel. 090/2930800, nei giorni dispari dalle 10 alle 12, mentre il martedì ed il giovedì dalle 15,30 alle 16,30, dove chi è interessato all’acquisto può prenderne visione e chiederne copia.