Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

7 giugno 09.35 Referendum, si lavora al materiale per i seggi elettorali

E’ stata avviata stamani la predisposizione del materiale per i seggi elettorali che sarà consegnato, sabato 11, ad ogni presidente sezionale. Le sezioni di tutta la circoscrizione comunale saranno 254, comprensive dei 10 seggi speciali. Il presidente riceverà in consegna, nei locali dell’ufficio della sezione, gli oggetti e le carte occorrenti per la votazione e lo scrutinio oltre agli atti occorrenti per le operazioni di votazione e di scrutinio ed in particolare: 1) il pacco delle schede di votazione, per ogni referendum, debitamente sigillato; 2) il plico sigillato contenente il bollo della sezione; 3) la lista degli elettori della sezione, autenticata dalla Commissione elettorale circondariale; 4) l’estratto o la copia della predetta lista da affiggere nella sala della votazione, autenticati dal sindaco e dal segretario comunale; 5) il manifesto recante le principali sanzioni previste dal testo unico n. 361, da affiggere nella sala della votazione; 6) il manifesto di convocazione dei comizi, nel quale è riportato integralmente il testo dei quesiti sottoposti a referendum, da affiggere nella sala della votazione affinché ogni elettore ne possa prendere preventiva conoscenza; 7) l’estratto del verbale di nomina degli scrutatori; 8) le dichiarazioni relative alla designazione dei rappresentanti dei partiti o dei gruppi politici e dei rappresentanti dei promotori dei referendum presso la sezione che siano state presentate al segretario comunale, oppure l’elenco delle persone munite di mandato, autenticato da notaio, rilasciato dal presidente o dal segretario provinciale del partito o gruppo politico presente in Parlamento oppure da almeno uno dei promotori del referendum, autorizzate a presentare le designazioni direttamente al presidente di seggio; 9) un’urna per ciascun referendum destinata a contenere le schede rispettivamente votate; 10) il pacco degli stampati occorrenti per le operazioni di votazione e di scrutinio, contenente anche la mazzetta di matite copiative per il voto; 11) il pacco degli oggetti di cancelleria occorrenti per le esigenze della sezione. Il pacco delle schede di votazione, per ogni referendum, ed il plico contenente il bollo della sezione dovranno essere aperti il sabato pomeriggio, dopo che l’ufficio di sezione si sarà costituito. Inoltre al presidente del seggio dovranno essere consegnati gli elenchi nei quali sono indicate: 1) elettori deceduti successivamente alla revisione straordinaria delle liste (15º

giorno precedente quello della votazione) o deceduti prima della revisione ma non cancellati dalle liste; 2) elettori ammessi a votare nella sezione in base ad attestazione del sindaco (art. 32-bis del testo unico sull’elettorato attivo, come introdotto dall’art.3, primo comma, della legge 7 febbraio 1979, n. 40); 3) elettori che non possono esercitare il suffragio perché già iscritti nelle liste di un’altra sezione del Comune ovvero nelle liste di un altro Comune; 4) elettori residenti all’estero che votano nella sezione: o perché hanno esercitato l’opzione per tornare in Italia ad esprimere il voto (art. 4, comma 1, della legge 27 dicembre 2001, n. 459, o perché sono residenti in uno degli Stati con i cui governi non sia stato possibile concludere le intese in forma semplificata previste dall’art. 19, comma 1, della citata legge n. 459/2001; o perché risiedono in uno degli Stati di cui all’art. 19, comma 4, della stessa legge 459; 5) elettori risultati irreperibili in precedenti consultazioni elettorali e risultati tali anche nel corso della distribuzione della tessera elettorale; 6) elettori ricoverati in ospedali, sanatori, case di cura in genere, che abbiano chiesto di essere ammessi a votare nel luogo di ricovero ai sensi dell’art. 51 del testo unico n. 361; 7) detenuti aventi diritto al voto che abbiano chiesto di essere ammessi a votare nel luogo di detenzione ai sensi degli articoli 8 e 9 della legge n. 136/1976; 8) elettori che abbiano ottenuto il duplicato della tessera elettorale; 9) elettori per i quali il provvedimento di perdita del diritto elettorale per uno dei motivi indicati nei numeri 2) e 3) dell’art. 32, primo comma, del testo unico sull’elettorato attivo, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1967, n. 223, e successive modificazioni – sia intervenuto dopo la data di pubblicazione del manifesto di convocazione dei comizi (art. 32-ter del citato testo unico); 10) elettori della sezione ammessi al voto a domicilio e aventi dimora nell’ambito territoriale della stessa sezione; 11) elettori iscritti presso altre sezioni elettorali, dello stesso Comune o di altri Comuni, ammessi al voto domiciliare e dimoranti nell’ambito territoriale della sezione; 12) elettori della sezione ammessi al voto a domicilio ma dimoranti in altri ambiti territoriali, dello stesso Comune o di altri Comuni.