8 febbraio 08.48 “Giornata del Ricordo”, al via stamane gli appuntamenti

Una mostra fotografica allestita a palazzo Zanca e la proiezione di un documentario, da oggi a giovedì 10; un incontro domani con gli studenti delle scuole sempre nella sede civica e giovedì 10, “Giorno del ricordo”, corona d’alloro nella piazzetta, all’incrocio tra via Pola, via Istria e via Concerie, dedicata ai Martiri delle Foibe ed esuli di Istria, Fiume e Dalmazia. Questi gli appuntamenti promossi dal Comune, d’intesa con l’Associazione Nazionale congiunti deportati ex Jugoslavia (ANCDJ), per il 10 febbraio, ricorrenza del “Giorno del ricordo”. Domani, martedì 8, alle ore 10, nel salone delle Bandiere di palazzo Zanca, si terrà l’inaugurazione della mostra su “Foibe e l’Esodo Giuliano Dalmata”, con l’intervento dell’assessore alle politiche di integrazione multietnica, Dario Caroniti, e la presentazione della mostra da parte della presidente dell’Associazione, Maria Cacciola. Seguirà la proiezione del film “La città dolente”. Previsti anche due appuntamenti che si terranno a palazzo Zanca: mercoledì 9, alle ore 10, un momento di danza e recitazione e giovedì 10, alle ore 11.30, la conferenza del prof. Luigi Chiara, docente alla facoltà di scienze politiche dell’Ateneo peloritano, sulle vicende dell’esodo giuliano-dalmata e del confine orientale. La storiografia fa riferimento alla diaspora che si verificò tra il ’43 ed il ’45 dall’Istria, dal Quarnaro e

dalla Dalmazia, da parte della maggioranza dei cittadini di lingua italiana, in seguito all’occupazione di tali regioni da parte dell’Armata popolare di liberazione della Jugoslavia. Mercoledì 9, alle ore 17, per iniziativa dell’associazione Arma di Cavalleria, sarà celebrata una messa nella Chiesa di Gesù e Maria delle Trombe.

Giovedì 10, a palazzo Zanca, come disposto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per tutti gli edifici pubblici, le bandiere saranno issate a mezz’asta, ed alle ore 9, dopo la deposizione della corona d’alloro nella piazzetta dedicata ai martiri delle Foibe, sarà scoperta una targa commemorativa con i nomi delle vittime e dei dispersi messinesi.

Con la legge 30 marzo 2004 n.92, la Repubblica Italiana ha riconosciuto la giornata del 10 febbraio di ogni anno, quale “Giorno del ricordo”, per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle Foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra, della più complessa vicenda del confine orientale.

Con tale ricorrenza si intende favorire ogni iniziativa volta a valorizzare il patrimonio culturale, storico, letterario ed artistico degli italiani dell’Istria, di Fiume e delle coste dalmate, evidenziandone il contributo negli anni trascorsi e negli anni presenti, allo sviluppo sociale e culturale del territorio della costa nord-orientale adriatica ed altresì a preservare le tradizioni delle comunità istriano-dalmate residenti nel territorio nazionale ed all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *