Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

6 maggio 13.37 Piano Triennale Opere Pubbliche, precisazioni di Scoglio

L’assessore ai lavori pubblici e sviluppo economico, Gianfranco Scoglio, in merito ai pareri espressi dalla IV e V Circoscrizione sulla proposta di delibera relativa al Piano Triennale delle Opere Pubbliche ha trasmesso ai presidenti delle municipalità una propria nota: “non avendo avuto la possibilità di interloquire con i Consiglieri nella sede istituzionale, poiché non invitato a confrontarmi sulle scelte operate dalla G.M., mi preme, con la presente, fornirVi alcuni chiarimenti che possono essere utili a comprendere le scelte operate e la previsione di investimenti di così rilevante portata, anche se in linea con i programmi approvati nelle precedenti legislature. Preliminarmente, va precisato che il sottoscritto è solo formalmente il proponente del Piano Triennale in quanto le previsioni di investimento attengono ai singoli Assessorati e Dipartimenti competenti per delega e materia i quali operano le proprie scelte secondo le rispettive programmazioni e, per quanto attiene all’elenco annuale da allegare al bilancio previsionale 2011, relativamente alle risorse ivi allocate e al livello di progettazione raggiunto. Il programma triennale infatti è un contenitore generale di studi di fattibilità e progetti di livello preliminare, definitivo ed esecutivo, mentre l’elenco annuale determina gli investimenti a copertura dei quali è necessario prevedere le relative risorse nel bilancio previsionale dell’Ente. Ciò posto la formazione del programma triennale e dell’elenco annuale avviene sulla base della normativa di riferimento ed in particolare, nella Regione Sicilia, della L.r. 7/2003 e s.m.i. nonché delle Circolari esplicative dell’Assessorato Regionale Infrastrutture. La previsione e l’inserimento nel Programma delle altre infrastrutture, per le quali non è prevista la relativa copertura finanziaria nel bilancio di previsione, è condizione di ammissibilità per l’eventuale finanziamento da parte della Regione, con fondi propri e/o tramite il P.O. P.O.R. F.E.R.S. 2007 – 2013, e dello Stato, con fondi propri e/o tramite il P.O.N. od il fondo F.A.S. per le Regioni obiettivo 1 tra le quali anche la Sicilia, nonché per l’ attivazione dei procedimenti di programmazione negoziata pubblico – privato (project financing, concessione costruzione e gestione, società trasformazione urbana etc.). ComprendereTe pertanto, che stante l’attuale sistema istituzionale per il finanziamento delle infrastrutture e l’impossibilità per gli Enti Locali di contrarre nuovi mutui, pena lo sforamento del patto di stabilità Nazionale, il Programma Triennale Opere Pubbliche degli Enti Locali è necessariamente un contenitore di previsioni di opere pubbliche per le quali gli Enti avviano le attività di progettazione nella speranza di poter accedere a finanziamenti terzi. Siffatta condizione necessitata, stante il meccanismo sopra descritto, impedisce una reale programmazione da attuare nel triennio essendo le esigenze del territorio molteplici e non sempre coerenti con gli strumenti di programmazione regionale, atteso che la Regione non attua, durante l’iter formativo della propria programmazione, reali meccanismi di concertazione per rendere coerente i propri programmi con quelli degli Enti Locali. Tale situazione è altresì aggravata dal mancato trasferimento agli Enti Locali di un fondo regionale per la progettazione congruo per l’affidamento a terzi, stante la cronica carenza negli organici dell’Ente di figure tecniche per tali incombenze, dell’attività di progettazione. Nonostante le superiori difficoltà, il personale tecnico a disposizione ha provveduto a redigere progetti esecutivi per circa il 35% della programmazione, e, nel corso di questo mandato sono state realizzate dal mio Assessorato le sottoelencate infrastrutture, con finanziamenti terzi: Messa in sicurezza viabilità con eliminazione dei varchi nei torrenti Mili S. Pietro e Mili S. Marco; Messa in sicurezza viabilità con eliminazione dei varchi nei torrenti S. Filippo; Riqualificazione viaria Torrente S. Licandro; Riqualificazione viaria Torrente Trapani; Opere di Urbanizzazione Sperone Ovest. Inoltre l’impegno del Sindaco, quale Commissario Straordinario ha consentito il riavvio dei lavori di completamento degli Svincoli Giostra – Annunziata e l’apertura al transito della galleria Annunziata – Giostra. La previsione di alcune infrastrutture nel precedente triennale, riconfermate anche nel presente, ha consentito all’Ente la partecipazione al Programma regionale P.I.S.T. – P.I.S.U. già dichiarato ammissibile dai singoli responsabili dei Dipartimenti Regionali ed in attesa di finanziamento. Né va dimenticato che a seguito dell’alluvione dell’1 Ottobre 2009, tutti gli sforzi degli Assessori competenti alla realizzazione delle infrastrutture e del personale comunale sono stati profusi nelle zone alluvionate con evidente rallentamento delle altre progettazioni previste dal Programma Triennale. E’ di tutta evidenza, per quanto sopra, che è vero che solo alcune delle previsioni del Programma Triennale e dell’elenco annuale potranno trovare realizzazione nel presente mandato secondo gli unici finanziamenti attivabili (Stato, Regione o C.E.) e le rispettive programmazioni degli Enti, ma è del pari necessario inserire nel programma comunale le previsioni di infrastrutture come programmate dagli Assessorati per consentire l’attivazione dei finanziamenti partecipando alle procedure concorsuali. Diversamente, come avvenuto nel recente passato, con aggravio del procedimento amministrativo, per i fondi C.I.P.E. assegnati ai progetti presentati dagli Assessori competenti necessita, per evitare l’esclusione dal finanziamento, di volta in volta il pronunciamento del Consiglio Comunale previo parere delle Circoscrizioni interessate. Certo di averVi fornito utili elementi di valutazione, senza con ciò voler in alcun modo influenzare il Vs. pronunciamento, mi è gradito porgerVi i più cordiali saluti”.