Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

7 maggio 07.55 Teatro Vittorio Emanuele, martedì serata dedicata a Mozart

Una “Serata mozartiana”, di cui sarà protagonista il maestro Maurizio Zanini, sia come direttore dell’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele sia come pianista: questo il “menù” del terzo e ultimo concerto sinfonico della stagione, in programma il 10 maggio, organizzato dall’Ente Teatro di Messina in collaborazioni con le associazioni concertistiche cittadine Accademia Filarmonica, Filarmonica Laudamo e Vincenzo Bellini.

Del grande compositore salisburghese saranno eseguite l’Ouverture dalle “Nozze di Figaro” e il Concerto per pianoforte e orchestra n. 24 in do minore K 491 nella prima parte e la Sinfonia in Do maggiore n. 41 K 551 “Jupiter” (una delle composizioni più famose di Mozart) nella seconda. All’inizio della seconda parte sarà eseguita in prima moderna la Sinfonia d’opera in Re maggiore, composizione inedita (1850 circa) del musicista messinese Antonio Laudamo (1813-1884), cui è dedicata l’omonima Sala che si trova nel fabbricato del Vittorio Emanuele. Di Laudamo sarà ricordato nel programma di sala anche l’impegno di patriota, proprio in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

Direttore d’orchestra e pianista milanese, Maurizio Zanini si è aggiudicato nel 1986 il Primo Premio al Concorso Pianistico Internazionale “Dino Ciani”, ricevendo inoltre l’Oscar Internazionale della Critica “Maschera d’Argento” per la Musica Classica. Successivamente ha beneficiato dei preziosi consigli di Maurizio Pollini.

Ha tenuto concerti al Teatro alla Scala di Milano, Barbican Centre di Londra, Sala d’Oro del Musikverein di Vienna, Musikhalle di

Amburgo, Gasteig di Monaco di Baviera, Maison de Radio France di Parigi, Kunsthaus di Lucerna, Lincoln Center di New York, Festival di Montpellier, Lugano Festival, Festival MiTo Settembre Musica, Settimane Musicali di Stresa, Festival dei Due Mondi di Spoleto, Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo, Rossini Opera Festival di Pesaro.

Nel 2000 ha iniziato l’attività direttoriale invitato da orchestre quali la Kärntner Sinfonieorchester di Klagenfurt, Orchestra della Svizzera Italiana, Presidential Symphony Orchestra di Ankara, National Symphony Orchestra di Malta, Orchestra Cameristi della Scala, Teatro Comunale di Bologna, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro Ente Concerti di Sassari, Teatro “G. Verdi” di Trieste, Teatro Marrucino di Chieti, I Pomeriggi Musicali di Milano, Sinfonica “G. Verdi” di Milano, Sinfonica della Repubblica di San Marino, Sinfonica Siciliana, e molte altre.

Nel 2008 ha diretto La Clemenza di Tito al Teatro dell’Opera Giocosa di Savona e nel 2010 una nuova produzione de Il barbiere di Siviglia di Paisiello al Teatro Verdi di Sassari.

Nell’aprile 2011 ha diretto Il barbiere di Siviglia di Rossini in tournée ad Abu Dhabi con l’Orchestra e Coro del Teatro La Fenice di Venezia.

Solista con la London Royal Philharmonic Orchestra, Philharmonisches Orchester der Stadt Nürnberg, Philharmonisches Staatsorchester Bremen, Sinfonieorchester Luzern, Orquesta Sinfònica de Córdoba, Orchestra Sinfonica dell’Accademia di Santa Cecilia, Orchestra RAI, Teatro La Fenice di Venezia, Arena di Verona, ha suonato con direttori quali Roberto Abbado, Paolo Arrivabeni, Piero Bellugi, Aldo Ceccato, Myun-Whun Chung, Vladimir Delman, Daniele Gatti, Gianandrea Gavazzeni, Isaac Karabtchevsky, Julian Kovatchev, Gerard Korsten, Carlo Rizzi, Jerzy Semkow, Alexander Vedernikov, Marcello Viotti.