Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

6 aprile 13.30 Precari FP, la Cisl chiede l’apertura di un tavolo

In una nota inviata al sindaco di Messina e al Presidente della Delegazione Trattante, il Coordinamento Precari della CISL Funzione Pubblica chiede l’avvio di un confronto.

“Il Coordinamento Precari della CISL Funzione Pubblica istituito lo scorso 31 marzo -si legge nella nota-intende iniziare un confronto costruttivo con l’Amministrazione, al fine di aprire il tavolo di confronto per trovare le soluzioni definitive per la stabilizzazione del personale precario in forza all’ente.
E’ noto a tutti che la vasta platea di lavoratori precari in servizio, attende da oltre un ventennio la risoluzione della propria vertenza, dando comunque quotidianamente e con senso di responsabilità il proprio contributo alla funzionalità dei servizi e sobbarcandosene, in molti casi, l’intero onere. Ciò, in presenza di una non chiara definizione di compiti, dunque di indennità, nel perenne stato di incertezza sull’estensione dell’orario di lavoro, nonostante la dimostrazione di buona volontà espressa dal Sindaco che, sollecitato dalle O.O.S.S. e da parte dei Consiglieri comunali, ha acconsentito a mantenere le 30 ore settimanali sino al prossimo luglio.
A fronte di una così incresciosa situazione, che mortifica le legittime aspettative di questa categoria di lavoratori, il Coordinamento Precari della CISL Funzione Pubblica, chiede all’Amministrazione di attenzionare in modo concreto la questione, anche in vista della prossima scadenza (1 agosto 2012) dei contratti stipulati ai sensi della L.R. 85/95, per i quali ci si aspetta una significativa definizione.
Riguardo invece i contratti stipulati ai sensi della L.R. 21/03, non ancora firmati, il Coordinamento precari della CISL Funzione Pubblica, auspicherebbe quantomeno che fossero sottoscritti a 24 ore, al fine di risolvere l’annosa discriminazione operata dalla Regione , e contestualmente assicurare una maggiore continuità dei servizi.
Per quanto sopra esposto, il Coordinamento Precari della CISL Funzione Pubblica, chiede che, nelle more di precisi orientamenti regionali, relativi alla stabilizzazione delle qualifiche C e D, l’Amministrazione prenda in seria considerazione l’ipotesi di assumere i contrattisti di categorie A e B a tempo indeterminato, chiedendo una seria interlocuzione con la Regione relativamente alla copertura finanziaria.
Il Coordinamento Precari della CISL Funzione Pubblica ribadisce quindi, la propria disponibilità a supportare l’Amministrazione Comunale nell’individuazione dei percorsi da intraprendere con urgenza, non ritenendo più procrastinabile la risoluzione delle problematiche connesse al precariato.
La definizione di un modello di sviluppo in tal senso, potrà inoltre essere esportato nelle numerose realtà della provincia, conferendo al Comune di Messina, il ruolo di ente promotore di politiche di stabilizzazione”.