Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

5 febbraio 09.04 Rodriquez, Genovese (PD) pretende risposte dal management

Francantonio Genovese, deputato PD alla Camera

Sulla vicenda della Rodriquez interviene il deputato PD Francantonio Genovese, che chiede al management risposte precise sul futuro delle maestranze.

“L’azienda cittadina Rodriquez Cantieri Navali continua ad essere nell’occhio del ciclone -dichiara Genovese. La sorte incerta dei suoi dipendenti, in cassa integrazione ormai da quattro anni, e dell’attività tutta, merita attenzione ed un intervento che non può essere più rinviato.

L’utilizzo di ammortizzatori sociali è divenuto per i lavoratori messinesi un tunnel senza uscita. Una soluzione transitoria e di accompagnamento, per la sua stessa natura, che si è trasformata in uno status quo di dubbia valenza giuslavorista e di sicura inopportunità etica.

Lasciare famiglie nell’incertezza, un’incertezza protratta per anni, rappresenta un lento stillicidio che paralizza le sorti di chi si trova coinvolto e, conseguentemente, paralizza le

sorti di un intero sistema aziendale, gestionale ed economico.

La Rodriquez ha il dovere di dare delle risposte. Deve fare chiarezza, lo deve ai lavoratori in cassa integrazione, lo deve a tutta la realtà d’impresa che teme per le sorti dell’intero stabilimento cittadino. E’, in genere, troppo facile parlare di “lavoratori” come categoria astratta ed impersonale. E’ semplice dire che “sono in cassa integrazione”, ciascuno di “quei lavoratori” è una storia, ha un nome ed un cognome, ha necessità, speranze, intenti, diritti e doveri. Semplificare è la tendenza attuale, quando ci si trova innanzi a situazioni di difficile soluzione.

Chiediamo, che l’Azienda intervenga su quello che non vorremmo diventi “l’ennesimo caso Messina”. E’ necessario che la Rodriquez, nelle sue componenti dirigenziali, si pronunci sugli intenti; solo allora si potrà porre in essere una pianificazione concertata e congiunta, che permetta all’Azienda di garantire i suoi dipendenti, ed alla città di non vedere estinta un’altra delle sue storiche roccaforti d’impresa.”