Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

6 aprile 12.50 Teatro Vittorio Emanuele, domani concerto con musiche di Ciaikovskij e Dvořák

Il maestro giapponese Hirofumi Yoshida e la violoncellista americana Shana Downes, insieme con l’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele, il 7 aprile (ore 21) saranno i protagonisti del secondo dei tre concerti che l’Ente Teatro di Messina organizza in collaborazione con le associazioni concertistiche cittadine Accademia Filarmonica, Filarmonica Laudamo e Vincenzo Bellini. In programma due composizioni molto affascinanti: la Sinfonia n. 5 in mi minore di Petr Ilic Ciaikovskij e il Concerto per violoncello e orchestra n. 2 in si minore di Anton Dvořák.
Nato nel 1968, Oshida ha studiato direzione d’orchestra con i maestri Yasuhiko Shiozawa, Jun’ichi Hirokami e Yujiro Tsuda al Tokyo College of Music, dove si è anche specializzato in pianoforte, contrabasso e musicologia. Negli anni 1994 e 1995 ha studiato al Wiener Meister Kurse tenuto alla Hochschule fuer Musik a Vienna con i maestri Hans Graf e Julius Kalmar ottenendo il diploma finale. Nel 1996 ha seguito il master dell’Accademia Musicale Chigiana a Siena con i maestri Myung-Whun Chung e Juri Temirkanov. Fra le sue attività più recenti, ricordiamo che nel maggio 2005 ha debuttato a Roma, dirigendo l’ensemble composto dai membri del Teatro dell’Opera di Roma, con Cavalleria Rusticana e Rigoletto. H diretto l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, l’Orchestra del Teatro Verdi a Trieste, l’Orchestra Concerts Lamoureux a Parigi, la Cadaquès Festival Orchestra a Cadaquès, l’Adygeyan Republic National Symphony Orchestra in Russia, la Hong Kong Sinfonietta in HK, la Yomiuri Nippon Symphony Orchestra, la Tokyo Symphony Orchestra a Tokio, la New Japan Philharmony Orchestra. Nel 2003 è stato chiamato come direttore principale ospite presso la Adygeyan Republic National Symphony Orchestra in Russia. Dal 2004 è il direttore musicale dell’Ichikawa Opera a Ichikawa in Giappone.
Nella stagione 2007 ha diretto presso il Teatro Verdi di Trieste La vida breve, al Cluj-Napoca in Romania Tosca, al Cairo Opera House Aida e alle Terme di Caracalla alla stagione estiva del Teatro dell’Opera di Roma Pagliacci, come primo direttore d’orchestra giapponese. Nella stagione 2008 ha eseguito La Traviata a Parigi, Le Nozze di Figaro, The Tale of Genji in Giappone, Madama Butterfly al Cairo e Don Carlo in Hong Kong.
È attualmente il direttore musicale all’Ichikawa Opera, professore associato del Toho College of Music e del corso di master nello stesso College. Dal gennaio 2010 è Direttore Musicale del Teatro Sociale di Mantova.
Lodata dalla critica in Europa ed nel Nord America, riconosciuta come un’eccellente solista e camerista, la giovane violoncellista americana Shana Downes ha iniziato ad affascinare le platee fin da bambina. I suoi studi musicali sono iniziati sia con il violoncello che con il pianoforte, all’età di 4 anni a San Francisco, sua città natale. Un anno più tardi suona per il maestro Rostropovich, e da lui è incoraggiata a proseguire dedicandosi decisamente al violoncello. Debutta quattordicenne – come violoncello solista – alla San Francisco’s Davies Symphony Hall, quale vincitrice della San Francisco Symphony Pepsi-Cola Young Musician’s Award.
Si esibisce nelle sale da concerto più famose al mondo, come la Queen Elizabeth Hall a Londra, il Concertgebouw ad Amsterdam, il Musikverein a Vienna, la Salle Gaveau a Parigi, la Sala Verdi a Milano e il Teatro Coliseo a Buenos Aires. Numerose le incisioni, come solista le 28 sinfonie di Boccherini con la Kammer Akademie Neuss per la “CPO Records”, e come primo violoncello dell’Orchestra Verdi di Milano (direttore Chailly, per la Decca), con Angela Gheorghiu “Verdi Heroines”, nonché i Quartetti con pianoforte di Fauré per le edizioni di Amadeus. Si è diplomata in Europa fra le Hochschule di Vienna, Dusseldorf e Cologna, con la lode all’unanimità con André Navarra, Johannes Goritzki e Frans Helmerson.
Il terzo concerto in collaborazione tra l’Ente Teatro e le associazioni concertistiche è in programma il prossimo 10 maggio, sempre al Vittorio Emanuele.