Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

31 marzo 13.58 Trasporto pubblico, Chiofalo (SEL): “Un treno in più non significa rilancio”

Sui problemi del trasporto pubblico interviene Salvatore Chiofalo, segretario provinciale SEL. “Assunte, a tempo determinato, nel sistema trasportistico su rotaia dell’Isola, otto vetture notte, per gentile concessione del Sig. Ministro Altero Matteoli in risposta alla “pressante” richiesta del Sig. Sindaco di Messina -scrive Chiofalo. Grande conquista e pure sbandierata. Nel mentre occorre otturarsi il naso per quanto è avvenuto negli ultimi anni in ordine alla devastazione del sistema trasportistico su rotaia a danno della Sicilia e dello stretto. Su entrambe le due dorsali, la Ionica e la tirrenica è un deserto: sale d’aspetto chiuse, biglietterie chiuse, locali igienici chiusi, stazioni in stato di abbandono totale, in molti casi vetture sudice e treni per il servizio passeggeri ridotti a lumicino. Finanziamenti già destinati al completamento del raddoppio ferroviario Messina – Catania –Siracusa sottratti per sempre, e raddoppio ferroviario della dorsale tirrenica Messina Palermo rimasto monco: realizzato e parte in fase di ultimazione da Messina a Patti e da Palermo a Castelbuono. Altro che esaltarsi Sig. Ministro e Sig. Sindaco, c’è solo da intristirsi perché feriti nella dignità di Siciliani e Messinesi. Sinistra Ecologia e Libertà nei prossimi giorni promuoverà un importante convegno nel corso del quale formulerà precise proposte a favore dello sviluppo dei trasporti in un sistema integrato di bacino di utenza e per questo inviterà a confrontarsi quanti lottano contro il declino del medesimo sistema trasporti in città e in provincia”.