Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

31 maggio 08.49 Mancata riqualificazione via La Rocca, Gioveni e Cacciotto: “Il Comune intervenga subito”

Libero Gioveni

A oltre 2 anni dallo sbaraccamento di via La Rocca a Camaro S. Paolo, la zona è ancora nel più assoluto degrado e la riqualificazione dell’area non è mai partita. I consiglieri UDC della III Circoscrizione Libero Gioveni e Alessandro Cacciotto chiedono all’amministrazione interventi immediati. 

 “Sono trascorsi più di 2 anni –scrivono Gioveni e Cacciotto- (era il 3 febbraio 2010) quando iniziarono le prime operazioni di prelievo e smaltimento dell’eternit con conseguente e successivo sbaraccamento dei 5 tuguri ubicati in via La Rocca a Camaro S. Paolo. Operazioni resesi necessarie per consentire all’Amam di riparare definitivamente la condotta fognaria “esplosa” il 4 dicembre 2008 posta proprio al di sotto dei vecchi manufatti, con relativa sistemazione di 3 famiglie in altrettanti alloggi di emergenza abitativa.

A distanza di quasi 2 anni e mezzo da quell’evento, dobbiamo sottolineare che, trascorsa la fase concitata del momento nella quale l’assessore alle Manutenzione Pippo Isgrò promise di riqualificare la zona realizzando dopo la fase della demolizione una piccola area attrezzata caratterizzata da una pavimentazione in ciottoli, nulla di tutto ciò si è

realizzato. Anzi. 

Le famiglie residenti nelle baracche rimaste in piedi si ritrovano a vivere ormai da tempo in una condizione igienico-sanitaria molto deficitaria, al limite della sopportazione. 

Non sono soltanto le alte e folte erbacce (che sono causa delle più disparate allergie per i residenti) a fare squallidamente da cornice nell’area in terra battuta circoscritta dalle baracche presenti e da una frontale palazzina comunale, ma anche e soprattutto la presenza di topi, grosse lucertole e insetti vari che terrorizzano costantemente gli esasperati residenti! 

Possibile che, soprattutto in tema di riqualificazione o di risanamento di spazi pubblici, dalle parole non si debba passare mai ai fatti? 

Non è per niente accettabile per queste famiglie che, oltre al danno di aver subìto lo “smacco” di essere rimaste a vivere nelle loro baracche vedendo i loro vicini di casa emigrare (solo per mera buona sorte) in altri lidi abitativi ben più dignitosi, debbano subire anche la beffa di dover essere immersi in un habitat da Terzo Mondo. 

Pertanto, chiediamo adesso per via La Rocca i necessari e risolutivi interventi da parte dell’Amministrazione volti a ridare decoro e igiene a questo piccolo fazzoletto di territorio di Camaro S. Paolo dove però vivono delle famiglie con una dignità umana certamente da difendere”.