Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

31 luglio 11.15 I precari dell’Ente Fiera di Messina pretendono risposte

La conferenza stampa dei lavoratori precari della Fiera Internazionale di Messina. Da sinistra, Gianni Bitto della CISL, Salvatore Mercadante della UGL, Maria Cento della UIL e Francesco Lucchesi della CGIL. (Foto Gianrico Battaglia).

Si è svolta stamattina presso l’Ente Fiera Internazionale di Messina la conferenza stampa dei lavoratori precari dell’Ente Fiera stesso. In un documento di due pagine i lavoratori hanno sintetizzato quanto accaduto da due anni a questa parte, a partire dall’indomani della chiusura dei cancelli della 72^ Fiera Campionaria Internazionale, sino alla conferenza stampa del 27 luglio scorso.

Fra le rimostranze che i lavoratori esprimono, vi è la mancata disponibilità del Commissario, Fabio D’Amore, a loro dire, ad incontrare i lavoratori stessi e spiegare qual’è la situazione che si sta vivendo. A pochi giorni dall’apertura dei cancelli per l’annunciata 73^ Fiera Campionaria, ancora non si conoscono gli spazi che dovranno essere utilizzati e non sono stati assegnati gli incarichi ai 13 dipendenti che ogni giorno si presentano sul luogo del lavoro. La contestazione è rivolta anche “alla miopia degli amministratori locali (provinciali e comunali) che non si sono opposti a che la Fiera Internazionale di Messina venisse trasformata in una Sagra Paesana prima ed allo scioglimento dell’Ente Fiera poi, come proposto dall’Assessorato delle Attività Produttive della Regione Sicilia ad aprile 2012”.

Il comunicato stampa di Maria Cento, rappresentante aziendale UIL TuCs, è una denuncia accorata.

<<Abbiamo sintetizzato in due pagine le varie vicissitudini vissute dal personale dall’agosto dell’anno scorso>> inizia Maria Cento.

<<Rileggendo quelle pagine non possiamo fare altro che prendere coscienza di come é stata trattata la questione Ente Autonomo Fiera di Messina. Ne viene fuori un quadro di indifferenza, disinteresse, noncuranza e abbandono>>.

Poi, in tono ironico, i “ringraziamenti” ai vari responsabili della situazione in cui versa l’Ente Fiera <<Vogliamo ringraziare la Politica che ha trasformato un Ente Pubblico Economico in un parcheggio per nomine di sottogoverno.

Maria Cento della UIL. (Foto Gianrico Battaglia).

Vogliamo ringraziare l’Assessorato alla Cooperazione, adesso Assessorato alle Attività Produttive, per aver determinato, negli anni, la morte lenta e inesorabile di una realtà che andava, nei tempi e modi opportuni, trasformata.

Per le nomine dei Commissari a singhiozzo, fino all’ultima farsa della nomina del Commissario D’Amore retroattiva dopo mesi di “vacatio”.

Un ringraziamento particolare va all’Assessore Venturi per avre attuato il principio di “discriminazione” nel trattare i dipendenti.

Vogliamo ringraziare i diversi Commissari che si sono succeduti perchè hanno risposto solo a logiche dei loro mandanti politici.

Vogliamo ringraziare i vari Sindaci ed i vari Presidenti della Provincia di Messina per tutte le promesse fatte e non mantenute e per non aver considerato la Fiera un’opportunità ma un problema da eliminare>>.

Maria Cento conclude il suo comunicato chiedendo risposte certe a breve, media e lunga scadenza.