Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

31 marzo 08.33 Sicilia Vera, oggi si firma l’atto costitutivo

Oggi alle 13 a Caltagirone (Ct) circa 150, tra amministratori locali, rappresentanti di organizzazioni sindacali e della società civile, firmeranno l’atto costitutivo di Sicilia Vera connotando il movimento come lega delle municipalità. “Si tratta – ha spiegato l’on Cateno De Luca, leader di Sicilia Vera – di un movimento politico federale che non sarà un progetto politico di parte, ma punterà a coinvolgere in modo trasversale gli amministratori locali e la classe politica in generale sulla necessità di demolire questo modello di regione siciliana e decentrare alle municipalità funzioni, competenze, gestione e risorse”. Si smantelleranno così – prosegue De Luca le caste regionali politiche e burocratiche. Tra i tanti che già hanno aderito al movimento ci sono importanti rappresentanti di enti locali siciliani, lancio dunque un appello a tutti i parlamentari regionali e agli altri amministratori insoddisfatti dell’attuale gestione palermocentrica, affinché aderiscano anche loro al nostro movimento politico”. “Voglio evidenziare – prosegue De luca – che solo chi degli attuali parlamentari sottoscriverà l’atto costitutivo potrà poi essere candidato nelle liste regionali di Sicilia Vera. E’ prevista poi nello Statuto l’incompatibilità tra ruoli politici del movimento e cariche istituzionali per rompere la logica della concentrazione delle cariche in poche persone”. “Il prossimo 2 aprile al teatro Politeama di Palermo – conclude De Luca – Sicilia Vera sarà presentata ai cittadini e ad importanti esponenti istituzionali e dei partiti. Hanno confermato la loro presenza il presidente dell’assemblea regionale, Francesco Cascio, il leader di Forza del Sud, Gianfranco Miccichè, Arturo Iannaccone ed Elio Belcastro, segretario e presidente nazionale di Noi Sud, Giuseppe Lupo, segretario regionale del Pd, Giuseppe Castiglione, coordinatore regionale de Pdl, Livio Marrocco, capogruppo del Fli all’Ars, Giulia Adamo, capogruppo dell’Udc, Nino Dina, segretario regionale del Pid numerosi rappresentanti di movimenti politici sicilianisti. Il presidente della Regione Raffaele Lombardo se non riuscirà a liberarsi da un precedente impegno farà intervenire in sua rappresentanza il capogruppo dell’Mpa Francesco Musotto.