Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

30 maggio 07.30 Enzo Garofalo incontra le associazioni animaliste

Ieri pomeriggio il candidato sindaco del centrodestra Enzo Garofalo ha incontrato i rappresentanti delle associazioni animaliste che da mesi lanciano l’allarme in merito ad una situazione non più sostenibile.

L’incontro, fortemente voluto da Garofalo, è stato organizzato per comprendere meglio i problemi denunciati dagli  animalisti che da anni si occupano in città dei cani e gatti randagi e che oggi vivono una forte situazione di disagio.

In particolare due le questioni sottoposte all’attenzione di Garofalo:  quella del  Canile Millemusi, (dove sono ricoverati 410 cani),  che da gennaio  non riceve finanziamenti dal Comune  e quella del Rifugio che si trova presso l’ex facoltà di Veterinaria in via Don Blasco, dove sono sfamati ed accuditi dai volontari più di 100 cani ed oltre 120 gatti  che rischiano di tornare in strada perché la struttura al momento è sotto sfratto.

“Si deve – ha sottolineato Garofalo–  manifestare apprezzamento per  quei volontari che  gestiscono la struttura dell’ex facoltà di veterinaria sopportando le spese di mantenimento degli animali ed anche ai dipendenti della struttura di Castanea che, nonostante da mesi siano senza stipendio, continuano a prestare la loro assistenza.

L’allarme randagismo è  serio e rischia di aggravarsi ulteriormente qualora non venisse trovata in tempi brevi una soluzione a queste emergenze. Si calcola infatti che siano circa 7000 i cani randagi nel Comune di Messina. I cani sono della Città- continua Garofalo- e che il peso della loro gestione non può gravare solo sui volontari. Per questo- ha assicurato- farò quanto possibile affinché  si trovino soluzioni percorribili prima di tutto per attuare la normativa in materia che al momento è disattesa. Tra le ipotesi che l’amministrazione dovrà valutare quella di stipulare una convenzione tra la facoltà di veterinaria e i canili per effettuare le sterilizzazioni e i primi interventi di assistenza medica necessari e individuare delle aree comunali dove collocare gli animali che al momento si trovano presso l’ex facoltà di veterinaria”.

Ad essere chiesto a gran voce dai volontari la creazione di una canile sanitario che risolverebbe gran parte dei problemi legati al randagismo. Garofalo ha assicurato l’impegno a realizzare la struttura.