Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

30 luglio 12.30 Arrestato dai Carabinieri un rumeno che stava aggredendo una donna

Ancora violenze contro le donne. A finire in manette, nelle prime ore di dello scorso sabato, un rumeno di 31 anni, Alin Proca Floria, domiciliato a Messina. I militari del Nucleo Radiomobile di Messina lo hanno arrestato in flagranza di reato per lesioni personali aggravate, resistenza a Pubblico Ufficiale e danneggiamento.

L’intervento dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Messina è scattato verso le ore 3.00 di sabato 29 luglio 2012, quando un cittadino ha telefonato al Numero Unico di Emergenza 112, segnalando l’aggressione ad una donna nella via del Santo di Messina.

I militari componenti l’equipaggio di una gazzella del Nucleo Radiomobile di Messina, giunti immediatamente sul posto, notavano un uomo, il quale, in evidente stato di alterazione psicofisica, verosimilmente riconducibile ad abuso di alcol, stava aggredendo fisicamente una donna.

I Carabinieri sono intervenuti per far desistere l’uomo dalla propria azione violenta nei confronti della donna, ma l’aggressore, per tutta risposta, si scagliava anche contro i militari dell’Arma.

Stante la flagranza di reato, Alin Proca Floria veniva tratto in arresto, per lesioni personali aggravate, resistenza a Pubblico Ufficiale e danneggiamento.

La donna vittima dell’aggressione, prontamente soccorsa dai sanitari del 118, veniva condotta presso il Pronto Soccorso del Policlinico Universitario di Messina, dove veniva giudicata guaribile con una prognosi di 30 giorni.

Dopo le formalità di rito, Alin Proca Floria è stato accompagnato presso il proprio domicilio e sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa del giudizio direttissimo.