3 marzo 17.59 Vertenza Feluca, la Fim Cisl: “Adesso il problema sembra politico”

“La chiarezza con cui sono stati esposti dati, prospettive e percorso per la risoluzione della Vertenza Feluca avrebbe dovuto cancellare i dubbi di tutti i consiglieri comunali, di qualsiasi schieramento politico. Per questo motivo non ci rendiamo ancora conto come ancora si rinvii la votazione sulla delibera”. Il segretario generale della Fim Cisl Antonino Alibrandi lasciando Palazzo Zanca, ha commentato così i lavori d’aula del Consiglio comunale di questa mattina.

“Se – sostiene Alibrandi – era comprensibile chiedere più delucidazioni sul piano di salvataggio dei posti di lavoro dei dipendenti di Feluca e la costituzione della NewCo per la gestione dei servizi informatici, dopo la relazione dell’esperto nominato da Comune e Provincia, sembra che il problema sia tutto di natura politica. E’ stato infatti chiarito, anche rispondendo a domande specifiche poste dai consiglieri, soprattutto sui due punti che destavano più preoccupazione in aula, quelli

sui debiti e sulla clausola di salvaguardia occupazionale. Sui debiti è stato confermato che questi resteranno nella vecchia società e non interesseranno la nuova compagine societaria. Sui lavoratori, la salvaguardia dei livelli occupazionali è garantita dalla procedura di acquisizione del ramo d’azienda che prevede il passaggio della parte attiva di Feluca alla nuova società”.

Una partita, quella della Feluca, che si gioca però su due tavoli. “Alla Provincia – continua Alibrandi – il parere negativo dei revisori dei conti speriamo sia superato con una presa di coscienza che il percorso ipotizzato dall’esperto nominato spazza via anche le perplessità dello stesso collegio dei sindaci”.

La Fim Cisl auspica il rispetto della tempistica imposta dal Giudice fallimentare che ha concesso una proroga sino a venerdì 11 marzo. “Confidiamo – conclude Alibrandi – in una decisione dei due consigli. Chiederemo anche al Presidente della Provincia e al Sindaco di farsi interpreti della fattibilità dell’operazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *