Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

3 febbraio 10.59 Rapporto Uil Messina su cassa integrazione per il triennio 2008-2010

“Rapporto UIL sulla Cassa Integrazione Guadagni”. Questo il tema affrontato stamane dall’esecutivo della Uil di Messina.
“L’utilizzo della Cassa Integrazione Guadagni, in tutte le sue varie forme da parte delle aziende colpite in vario modo dalla crisi – ha spiegato il segretario generale Costantino Amato – diviene una indispensabile chiave di lettura per comprendere cosa sta avvenendo e cosa potrebbe avvenire nel prossimo futuro, se non si apporteranno i dovuti correttivi all’interno del tessuto economico e produttivo della nostra Provincia. A partire dal 2009, infatti, in concomitanza con la crisi, la Cassa Integrazione, non solo è stata generalizzata praticamente a tutte le imprese esistenti, ma è stata estesa ad una platea sempre più ampia di lavoratori. Ecco perché seguirne l’andamento generale e il suo impatto sui diversi rami produttivi diviene fondamentale per pensare a nuove politiche economiche e sociali che possano dare respiro ad un territorio martoriato come il nostro.”
“Con dicembre 2010 – aggiunge Amato – si è chiuso un ciclo, almeno dal punto di vista statistico, che consente di avere una visione completa del terribile biennio 2009/2010 e di comparare i dati con quelli dell’ultimo anno pre-crisi, il 2008. Un raffronto che la UIL vuole fare al fine di fornire un concreto punto di partenza a sostegno di nuove politiche di sviluppo che incentivino la buona occupazione e il lavoro. Politiche più vicine alle esigenze non solo di chi rischia di perdere il lavoro, o lo ha già perso, ma anche di chi non lo trova o è in preda al lavoro saltuario, occasionale e irregolare. Politiche capaci soprattutto di attrarre gli investimenti dei privati, l’unica vera chiave di volta per la crescita economica del nostro territorio. Un progetto senza dubbio ambizioso cui

la Camera Sindacale di Messina si dedicherà ampliamente già a partire dalle prossime settimane.”
Ma veniamo ai dati.
Se andiamo ad analizzare l’ultimo bimestre 2010 in Sicilia sono state quasi 4 milioni le ore di cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga autorizzate. Di queste quasi 400 mila solo nella provincia di Messina, con una incidenza dello 0,6% per cento sulla popolazione regolarmente occupata (148.587 unità a gennaio 2010), pari a circa 891 lavoratori, secondo le stime UIL, solo a dicembre 2010.
Se si passa poi al raffronto tra dicembre 2009 e lo stesso mese del 2010 il dato in Sicilia è sconfortante, con un incremento del ricorso alla Cassa Integrazione Straordinaria del 251,3% in più rispetto all’anno precedente, e con un incremento di 63 punti percentuale dell’utilizzo della Cassa Integrazione in Deroga. Un incremento che per la provincia di Messina diviene esponenziale con il 296,1% in più delle ore di Cassa Integrazione, ordinaria straordinaria e in deroga, autorizzate rispetto al dicembre dell’anno precedente.
E il dato diviene ancora più allarmante se lo si confronta con quello del 2008, anno in cui in Sicilia le ore di Cassa Integrazione, ordinaria straordinaria e in deroga, autorizzate sono state 8.666.373, contro i 22.231.982 del 2010. Un dato ricalcato perfettamente nella nostra provincia dove le ore di Cassa Integrazione Guadagni autorizzate nel 2008 sono state in totale 1.138.425 contro i 3.083.715 del 2010, più del 102% in più.
Un trend che, a livello provinciale, ha investito tutti i settori produttivi e in particolare il settore industriale, dove sono state 2.279.063 (sui quasi 3 milioni del totale, ricavato dalla somma delle ore di CIG, ordinaria, straordinaria e in deroga autorizzate nei settori industria, edilizia, artigianato, commercio e settori vari) le ore di cassa integrazione autorizzate nel solo 2010.