Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

29 luglio 12.41 Azienda Papardo-Piemonte, avviata la vendita degli immobili

E’ stato espletato il 26 luglio 2011  il primo esperimento di gara relativamente all’asta pubblica per la vendita degli immobili di proprietà dell’Azienda Ospedaliera Papardo Piemonte di Messina.  Nelle casse aziendali affluiscono 180.000 euro che verranno interamente investiti nella ristrutturazione dell’Ospedale Piemonte.  Già fissate ulteriori due date, 2 e 4 agosto, per i 5 lotti rimasti invenduti. L’iter era stato avviato  nel novembre 2009, quando, a soli due mesi dal suo insediamento, il Dir.Gen. dell’Azienda messinese dott. Armando Caruso aveva dato mandato per censire le proprietà immobiliari aziendali; di queste 19 risultarono non convertibili in beni utilizzabili e considerati a tutti gli effetti alienabili. Sono appartamenti, botteghe e garage,  di cui 16 ubicati in città e tre ricadenti  in provincia, a Furnari, Venetico Superiore e Terme Vigliatore.  Immobili questi, che dopo una accurata analisi risultarono quasi tutti da ristrutturare, una operazione  che avrebbe comportato un notevole investimento da parte dell’azienda Sanitaria di Contrada Papardo che, con il nuovo corso manageriale aveva imboccato un programma mirato sia al miglioramento strutturale che dei servizi. Politica questa,che in un settore come quello sanitario, in crescente sviluppo e sistematicamente pressato dalla concorrenza, per non segnare il passo, ha necessità di investire.

Ciò comporta un notevole dispendio di energie finanziarie, una costante ricerca di fondi e  la costante ricerca di  liquidità  a volte  porta a fare della scelte dolorose ma irrinunciabili.

Gli  immobili in oggetto fanno parte di un blocco immobiliare di 19 strutture appartenenti di fatto all’Ospedale Piemonte, la cui vendita rientra in una operazione a vasto raggio che permetterebbe  di investire il capitale ricavato, una cifra stimata in oltre tre milioni di euro, sia per la ristrutturazione dell’Ospedale  Piemonte che per l’acquisto di nuove apparecchiature elettromedicali sanitarie.