Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

28 marzo 12.30 A maggio i festeggiamenti per il centenario della Lega Navale

Dal 18 al 20 maggio la città di Messina ospiterà l’Assemblea Nazionale dei soci della Lega Navale Italiana. L’importante evento che riunirà in riva allo Stretto i rappresentanti delle sezioni e delegazioni presenti su tutto il territorio nazionale, renderà omaggio al centenario della fondazione a Messina della delegazione della Lni, nata il 4 luglio 1912, e che oggi ha sede a Grotte. All’iniziativa ha confermato l’adesione del Comune di Messina, il sindaco on. Giuseppe Buzzanca che ha incontrato il presidente della delegazione di Messina, Carmelo Recupero, con il quale sono state delineate le iniziative in corso di definizione e che saranno presentate a metà maggio, nel corso di una conferenza stampa che si terrà a palazzo Zanca. A Messina in quei giorni saranno presenti le massime autorità della Marina militare e del Comando generale delle Capitanerie di Porto e gli esponenti nazionali della Lega Navale Italiana che ha celebrato solennemente nel 1997, il suo primo secolo di vita. Fu fondata, infatti, a La Spezia nel 1897 ad opera di pochi appassionati del mare uniti dal comune ideale di risvegliare nell’allora giovane Regno d’Italia, l’amore e l’interesse nei confronti di una coscienza marinara, che non doveva certo mancare nel Paese , sia per la sua storia che per la sua posizione geografica. Oggi, la Lega navale è un Ente Pubblico preposto a servizi di pubblico interesse operante sotto la vigilanza dei Ministeri della Difesa e delle Infrastrutture e Trasporti; è anche Ente Morale e Culturale, Associazione di protezione ambientale e Associazione di promozione sociale. Conta circa 60.000 soci iscritti, su un complesso di 80 basi Nautiche e oltre 230 Strutture Periferiche fra Sezioni e Delegazioni presenti su tutto il territorio nazionale, che rappresentano lo strumento attraverso il quale persegue le sue finalità. A La Spezia si svolse nel 1899 la prima Assemblea Generale della LNI, che approvo lo Statuto dell’Associazione e nominò presidente nazionale il conte Emilio Renaud di Falicon e segretario generale il tenente di vascello Gaetano Limo. Nello stesso anno vennero fondate le prime Sezioni LNI a Milano, Roma e Venezia; nel 1903 la Sede centrale si trasferì a Roma e nel 1912, alla vigilia dell’anno in cui la LNI diffuse i progetti di classi di imbarcazioni economiche per avvicinare alla vela il maggior numero di giovani, fu creata la sezione di Messina. Proprio tre giorni prima, il primo luglio 1912 si insediava a Messina al comando della Difesa marittima, il contrammiraglio Tito Jannucci, mentre l’Amministrazione comunale era retta dal Commissario Straordinario, Alessandro Salvadori.