Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

28 dicembre 08.55 Terremoto 1908, al resetLab in scena “Sotto le macerie”

Il senso di appartenenza e la conoscenza della storia e della cultura messinese sono elementi portanti della “Città possibile” che reset! propone alla città. Oggi e domani alle 21 nei locali di “resetLab” in via I Settembre 68, in occasione del 104° anniversario del terremoto che investì Messina il 28 dicembre del 1908 reset! in collaborazione con l’associazione culturale Messina-Russia presenta la drammatizzazione dal racconto autobiografico di Sergej Tchakhotine “Sotto le macerie”.

Va in scena una delle testimonianze più originali e vibranti capace di raccontare il “grande terremoto” in modo mai visto prima. Ad interpretare il testo Gianni Di Giacomo, elaborazione testi di Giuseppe Iannello, effetti sonori e scenografia di Billy Pavia.

L’ingresso è libero ma è gradita la prenotazione, per i

posti a sedere, telefonando al 329 3461208 o inviando una mail all’indirizzo: messinarussia@ya.ru.

“Sotto le Macerie” è il resoconto minuto per minuto di uno scienziato russo rimasto sepolto vivo nel terremoto del 1908. L’incredibile esperienza di un uomo sempre cosciente della possibilità di non essere mai tirato via da sotto le macerie della sua casa e di essere condannato per sempre a spegnersi nel buio che lo avvolge. Il racconto, dopo essere rimasto inedito per ottant’anni, è stato scoperto dal sito RussianEcho.net ed è stato pubblicato in italiano e russo da Michele Intilla Editore nel 2008 suscitando, per le sue caratteristiche, particolare interesse non solo a Messina ed in Italia, ma anche all’estero. Il gruppo artistico-letterario BG&G ha deciso di proporne la versione drammatizzata, in scena per la prima volta nella città dello Stretto.