Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

27 gennaio 11.32 Martorano: “Operiamo insieme per raggiungere i migliori risultati”

Pubblichiamo integralmente il comunicato stama diramato dall’Acr Messina: “Il presidente del Messina, Bruno Martorano, e il responsabile dell’area tecnica, Pasquale Leonardo, hanno incontrato questa mattina i consiglieri della Commissione sport del Comune, per presentare il progetto sportivo anche in vista di una futura collaborazione con le Istituzioni per il rilancio del calcio nel mondo professionistico. “Abbiamo acquistato questa società a poche ore della radiazione – ha spiegato Martorano – ereditando solo macerie sulle quali è nostra ferma intenzione costruire basi solide per un progetto serio, concreto, solido. Noi non facciamo richieste economiche di alcun genere, chiediamo invece di operare insieme per arrivare a raggiungere i migliori risultati. Non siamo una società chiusa, tutt’altro, siamo aperti sia al confronto che all’apporto di imprenditori locali ed istituzioni che vorranno condividere il nostro progetto. Il nostro primo obiettivo, al quale stiamo lavorando sin dal 4 gennaio, è sanare i conti e dimostrare che siamo una società pulita e con le carte in regola. Se vogliamo puntare al ripescaggio dobbiamo portare i bilanci a Roma, ed i bilanci di questa società mancano dal 2009. Su questo fronte stiamo lavorando per presentarci in regola a luglio e puntare al calcio professionistico, ma questo non basta, perché un progetto serio deve avere basi solide, perché in caso contrario il rischio è presentarsi e poi sparire e non è certo questa la nostra intenzione. Senza basi solide non si cresce, si è destinati, prima o poi a sparire. Noi invece vogliamo costruire qualcosa che duri a

lungo e che aiuti a crescere tutto il tessuto sociale e produttivo della città”. In quest’ottica il presidente Martorano ha illustrato ai componenti della Commissione l’idea di potere realizzare, così come in altre realtà sportive, come Reggina, Chievo, Inter, una Cittadella sportiva, destinata al settore giovanile. “Non pensiamo ad un impianto nel quale i genitori portano i propri figli e basta, ma ad una realtà dove i ragazzi possano giocare a calcio ma anche studiare insieme, socializzare, crescere e costruire il proprio futuro. Il vivaio è importante per il futuro di una società calcistica seria. Anche in questo caso noi non chiediamo contributi, ma un sostegno nell’individuazione del percorso da seguire e dell’area da destinare alla Cittadella”. Diverse le proposte emerse, il presidente della Commissione Tanino Caliò ha individuato la possibilità di verificare se possibile ricorrere alla Legge Spadolini per il riutilizzo delle aree militari dismesse, ma anche gli altri consiglieri presenti, Marcello Greco, Peppe Chiarella, Giuseppe Trischitta, hanno individuato altre possibili strade da percorrere. Su proposta del consigliere Giorgio Muscolino, Udc, si è deciso di istituire un tavolo tecnico in tempi brevi, anche alla presenza dell’assessore all’Urbanistica Corvaja e della commissione competente. Tra le altre proposte emerse anche convenzioni con le scuole, come ipotizzato dal consigliere Chiarella, o l’adesione dei consiglieri comunali alla campagna di mini-abbonamenti che il Messina sta lanciando in queste ore, come avanzato da Nicola Cucinotta, che ha spiegato come l’acquisto da parte dei consiglieri dei mini-abbonamenti possa servire da “pungolo” e da esempio per i messinesi per riavvicinarsi alla squadra della città”.