Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

26 ottobre 07.30 Dissesto, Reset: “Nulla di positivo se lo si dichiara”

“Di positivo in una dichiarazione di dissesto non vi è nulla”. A dichiararlo è Davide Savasta, presidente del Movimento Reset, che aggiunge: “Lungo la strada che ha condotto fin qui, di fronte a lavoratori disperati che lottano per far quadrare i conti in attesa del giusto compenso per il proprio lavoro, cosa è stato fatto per far quadrare i conti del Comune? Quali politiche di bilancio sono state condivise e attuate?

Nulla risulta alle cronache. Nessun tentativo concreto di cambiare gli assetti delle partecipate. Nessun piano realistico di riduzione delle spese. Nessun esperimento credibilmente attuato per mettere a frutto il cospicuo patrimonio del Comune.

La dichiarazione di dissesto finanziario rappresenterebbe senza dubbio un punto di svolta, ma a pagarne il prezzo sarebbe ancora una volta la cittadinanza. Aumento al massimo delle imposte, aumento del tetto di contribuzione ai servizi resi dal comune, unica attività possibile, ridotta al minimo, la gestione dell’ordinaria amministrazione.

Dichiarare il dissesto vuol dire, ben che vada, rinunciare per anni ad attuare politiche di sviluppo vitali per ricostituire un’economia sul nostro territorio.

E’ giusto farlo, senza averci nemmeno provato? Senza aver dato alla popolazione stremata la possibilità di scegliere persone nuove e soluzioni nuove per la gestione del bene comune?

Nel nostro laboratorio ci sono ogni giorno tanti cittadini al lavoro su proposte concrete e attuabili per il rilancio dell’economia di Messina, senza il quale sempre più posti di lavoro sono destinati a scomparire. Noi di reset! crediamo fermamente che la nostra città abbia tutte le possibilità di risorgere e che il tempo per farlo sia adesso, a patto che, finalmente, come auspichiamo dal giorno in cui abbiamo iniziato a pensare “reset!”, tutte le persone di buona volontà si uniscano, per sostituire alla guida della città coloro che hanno fino ad oggi governato dimostrando giorno dopo giorno la propria inadeguatezza.

Avendo scelto, sin dalla nostra nascita oramai un anno fa, di non limitarci alle contestazioni se non quando le stesse siano propedeutiche a proposte alternative, reset! organizzerà nella prossima settimana un incontro dal titolo “La mazzata definitiva alle speranze di rilancio di Messina: La dichiarazione di dissesto. Come evitarlo?”.

*sono i giorni che “mancherebbero” alla fine del mandato al Comune ed alla Provincia.