Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

25 ottobre 07.30 Libro di Borda Bossana al Museo del Risorgimento di Torino

Nel quadro delle iniziative editoriali varate per le celebrazioni del centocinquantenario dell’Unità d’Italia, il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano, istituito a Torino a palazzo Carignano, con Regio decreto 8 dicembre 1901, n. 360, ha richiesto al Comune di Messina, per l’inserimento nella biblioteca, il volume “I Protagonisti del Palazzo di Città – Messina 1861-2012”.

Il libro, curato dal giornalista Attilio Borda Bossana, delinea infatti dopo la Costituzione del Parlamento siciliano nel 1812, le vicende per ricordare il ruolo antesignano di Messina nel Risorgimento italiano e rincontrare per i 150 anni dell’Unità del Paese chi, dal 1860, dopo l’entrata di Garibaldi, è stato tra i “protagonisti” delle sorti della città. La biblioteca del Museo Nazionale ha la vocazione naturale ad essere la sede depositaria della memoria delle celebrazioni del centocinquantenario e della documentazione sul processo unitario.

L’occasione sarà data dalla prossima riapertura della biblioteca del Museo del Risorgimento di Torino, profondamente rinnovata ed ammodernata nei locali, nelle strutture, negli arredi, nei servizi, nelle attrezzature e nell’accoglienza degli studiosi, dopo cinque anni di chiusura per lavori. L’obiettivo della struttura museale piemontese è quello, dopo lo straordinario sforzo profuso nel 2011 per le celebrazioni dell’anniversario dell’Unità del Paese, di raccogliere e riunire in un unico centro nazionale la copia di tutta la documentazione prodotta in ogni angolo d’Italia, e mettere in comune, a disposizione di tutti, studiosi, ricercatori o semplici appassionati, copia della gran mole di materiale pubblicato.

Oltre al recente volume il Comune di Messina ha anche inviato le copie di Città & Territorio, il periodico dell’Amministrazione comunale che si occupa di temi legati all’assetto del territorio ed al rapporto con la città, che, negli ultimi numeri, ha ospitato numerosi contributi per i centocinquanta anni della proclamazione dell’Unità d’Italia, in particolare con una dettagliata testimonianza del Risorgimento attraverso documenti epistolari di Giuseppe Mazzini ai “fratelli messinesi”e le lettere di Garibaldi.