Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

25 febbraio 19.59 LSU, rifiutati dall’Asp e bloccati dal Tribunale. La FP Cisl scrive al Prefetto

Cacciati indietro. Sono i lavoratori Lsu utilizzati presso l’Asp di Messina da oltre 5 anni e, con nuovo decreto dell’Upl, pronti ad essere utilizzati anche dal Tribunale di Messina. “Adesso l’Asp comunica di non poterli mantenere in utilizzazione, rispedendoli alle cooperative e il Tribunale sospende la loro utilizzazione perché non può assumere un impegno di stabilizzazione definitiva”, così spiega Calogero Emanuele, segretario generale della Cisl Funzione Pubblica che ha scritto al Prefetto di Messina chiedendo la convocazione di un immediato incontro con tutti gli attori interessati.
La Cisl Fp ha scritto al Prefetto che ha motivo di ritenere che le difficoltà emerse per l’utilizzo degli Lsu verrebbero generate dai presidenti delle cooperative di appartenenza degli Lsu i quali, tra l’altro, ad oggi non risulta abbiano ottemperato agli obblighi di legge in materia di stabilizzazione definitiva, come evidenziato nei rispettivi decreti individuali dell’Upl e nel contempo annunciano provvedimenti di espulsione da soci finalizzata alla perdita del sussidio di disoccupazione. Il fenomeno, in provincia di Messina, interessa circa mille lavoratori.
“E’ opportuno evidenziare – continua la lettera di Emanuele al Prefetto – che si tratta di lavoratori da oltre un decennio, pur se soci di cooperative, utilizzati, per la massima parte, negli Enti Pubblici e che in forza della legge 17/2004 nonché circolare n. 5 del 29.11.2010, hanno presentato regolari istanze di passaggio definitivo agli Enti, pur mantenendo lo stato di Lavoratori Lsu”.
La Cisl Fp è seriamente preoccupata per le ingiustificate posizioni dei Presidenti delle Cooperative, in quanto il procurato allarmante disagio sociale, potrebbe sfociare in eclatanti iniziative volte a tutelare il lavoro e la dignità dei lavoratori interessati.