Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

24 marzo 19.25 Occupazione Università, solidarietà del Cesv agli studenti

In merito al ventilato sgombero dell’aula di ex Chimica dell’Università di Messina, nel plesso centrale dell’Università, il Cesv – Centro Servizi per il Volontariato di Messina, con il suo presidente, Antonino Mantineo, docente di Storia e Religioni dell’Università di Catanzaro, esprime la sua solidarietà nei confronti del Collettivo Unime in protesta: “Auspichiamo che quest’aula rimanga a disposizione di questi studenti che, con grande dedizione e passione, da mesi animano in autogestione, con iniziative culturali e sociali, uno spazio che costituisce un patrimonio per tutta la cittadinanza”, sottolinea Mantineo. “Sarebbe assurdo che i vertici dell’Università di Messina – aggiunge il presidente del Cesv e docente universitario – ponessero fine a un’esperienza così significativa, volendo relegare il Collettivo in uno spazio secondario, proprio mentre dal Maghreb è partito un movimento giovanile che chiede, con efficacia e forza, democrazia e diritti. Per una realtà come il Cesv, che promuove la cittadinanza attiva e la partecipazione democratica, l’azione culturale e sociale del Collettivo Unime in protesta appare preziosa. Di conseguenza, dovendo organizzare l’Assemblea dei soci del Centro Servizi per il Volontariato di Messina, a cui aderiscono 170 organizzazioni di volontariato e del Terzo Settore del nostro territorio, abbiamo chiesto di poterla svolgere presso la stessa aula di ex Chimica, il prossimo 16 aprile, con la seguente motivazione:
La nostra Assemblea di soci vuole così avvicinare il volontariato organizzato alla lotta intrapresa dal collettivo, far conoscere le vostre istanze e proposte che segnalano e denunciano non solo il disagio della condizione giovanile oggi nel nostro Paese e, in particolare, nella città di Messina, ma che indica un’esperienza che costituisce un patrimonio irrinunciabile, quello della autogestione da parte di giovani ed organizzazioni giovanili di spazi pubblici e di socializzazione. Ci sembra che la sede dell’Assemblea presso l’Aula da Voi gestita in questi mesi, e, ci auguriamo, anche per il futuro, abbia costituito luogo ed occasione di incontro e di scambi di saperi e di esperienze, che può permettere a tanti attori sociali ed istituzionali di ritrovarsi intorno alla vostra esperienza, che diventa perciò preziosa per tutta la comunità cittadina e non solo per il vostro organismo, che a noi appare, comunque sia, un luogo di democrazia e di partecipazione. Per tali ragioni saremmo ben lieti di svolgere l’Assemblea di soci del Cesv e di chiedervi di presentare la vostra esperienza alle organizzazioni di volontariato. Riteniamo, altresì, che dopo questo appuntamento altri ancora se ne potranno realizzare, come seminari, convegni di studio, mostre, presentazione di libri e dibattiti per concorrere con Voi a questa bella ed arricchente esperienza, cui ci vorremmo collegare stabilmente”.