Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

24 maggio 13.05 SS Santo Stefano-Gela, la Cgil denuncia il blocco dei lavori

E’ ancora buio sulla vicenda relativa al blocco dei lavori per la SS 117 S.Stefano – Gela. Lo segnala la Fillea Cgil di Messina attraverso il segretario generale Biagio Oriti che già nei mesi scorsi era ripetutamente intervenuto sollecitando l’Anas, ente appaltante, ad intervenire per individuare una soluzione. 

I lavori relativi al lotto B2 sono infatti blocccati  da quando  la Saicam di Marghera, società capofila dell’ATI – associazione temporanea di imprese – che ha vinto la gara per la realizzazione del 1° lotto della SS 117, è finita in amministrazione controllata. Lavori che prima del fermo erano stati eseguiti da manodopera locale.

La Fillea, che aveva già sollecitato l’Anas a dirimere la vicenda, torna oggi a chiedere un intervento risolutivo, affinché si possa terminare l’opera e possano essere riassunti i lavoratori oggi mandati a casa. 

Oriti sottolinea l’aspetto grave di questa vicenda che vede doppiamente penalizzato il nostro territorio carente di infrastrutture e di lavoro. “Siamo in presenza di una situazione paradossale- denuncia Oriti-. Mentre non ci sono risorse per avviare nuovi lavori, nel caso della SS 117 le risorse ci sono  ma i lavori sono bloccati per un’impasse burocratica. Un danno gravissimo per la nostra economia e per la nostra gente”. 

A sottolineare il momento difficile del lavoro nel settore dell’edilzia in provincia di Messina, Oriti cita alcuni dati. Dal 2010 al 2011, secondo i dati della Cassa Edile, il numero di lavoratori del settore è sceso da  11.687 a 10.900; il monte retribuzioni è passato da 85milioni di euro agli 82 del 2011.

“Sollecitiamo l’Anas ad intervenire per trovare una soluzione rapida a questa situazione. È evidentemente inaccettabile che si lascino passare inutilmente mesi su mesi senza che nulla di concreto venga fatto per sbloccarla e portare a termine i lavori”, commenta Oriti che annuncia nuovi e più pressanti interventi anche presso le istituzioni della provincia di Messina.