Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

24 maggio 12.39 Mortelle-Tono, le precisazioni dell’assessore Scoglio

In merito alle notizie stampa sul parere contrario, sotto il profilo del rischio geomorfologico al piano strategico Mortelle Tono, l’assessore allo sviluppo economico, Gianfranco Scoglio, ha precisato “di non avere in alcuna occasione richiesto parere al servizio 3, Assetto del Territorio e Difesa del Suolo, dell’Assessorato Regionale territorio e Ambiente né conseguentemente ricevuto, alla data odierna, il provvedimento “motu proprio” definito dal dipartimento Regionale. Tale fatto è ovviamente di una gravità assoluta – sottolinea Scoglio – e prova aldilà di ogni ragionevole dubbio che qualcuno che opera al di fuori della Pubblica Amministrazione e che è contrario, per interessi personali alla realizzazione dell’Infrastruttura, ha provocato la nota de quo al fine di fornirla preventivamente agli organi di informazione. E’ quindi necessario, pur rispettando tutte le osservazioni critiche dirette in modo propositivo a migliorare il progetto, acquisire le generalità della fonte di informazione al fine di rendere noto all’opinione pubblica chi opera sempre e comunque nel sottobosco della “ Società Civile” per impedire la realizzazione di progetti di utilità collettiva. Tale assunto è testimoniato dalla circostanza – continua l’assessore – che in alcuna tavola, elaborato grafico, relazione tecnica, allegata al piano particolareggiato, è indicata la previsione realizzativa di un porto turistico. Allo stato il procedimento relativo alle altre infrastrutture previste, in seguito ad un errore tecnico operato dall’assessorato Territorio e Ambiente servizio VAS – VIA, causato dalla mancata pubblicazione nel sito internet della regione, del rapporto ambientale presentato dai progettisti del Comune, determina il riavvio del procedimento di VAS, con conseguente riapertura dei termini di legge per la presentazione di osservazioni ambientali. Per tale adempimento in relazione anche a quanto evidenziato dal Genio Civile e dalla Soprintendenza di Messina, ho disposto, in accoglimento ai preziosi suggerimenti, la modifica del piano particolareggiato caratterizzando la previsione viabilistica quale strada unicamente di servizio all’interno del parco urbano Mortelle – Tono dedicata esclusivamente ai fruitori degli alberghi ed ai fornitori, ed escludendo dal tracciato tutta la parte di costa soggetta a rischio erosione e o comunque in prossimità della zona “R4”. Quest’ultima planimetria sarà allegata al rapporto ambientale, che a breve sarà ripresentato all’Assessorato Territorio e Ambiente dipartimento VAS-VIA, per le valutazioni ambientali e successivamente oggetto di acquisizione dei pareri da parte della insediata conferenza dei servizi. Si rende quindi necessario fare chiarezza in esito a previsioni mai contenute nel Piano Urbanistico, in atto in corso di approvazione, e che erano state indicate dall’arch.Oriol Bohigas, progettista di fama mondiale, esclusivamente quale definizione di una strategia turistica complessiva con puntuale indicazione dei necessari interventi di protezione della costa. Va precisato infine che la competenza alla realizzazione di opere di protezione e difesa dell’abitato è della Regione Sicilia Assessorato Regionale Territorio e Ambiente e che ad oggi, nonostante gli annunziati proclami, gli unici interventi di protezione e ripascimento sono stati realizzati, avvalendosi dei finanziamenti comunitari, per l’abitato di S.Margherita nella zona Sud e di Rodia S.Saba nella zona Nord. Il piano particolareggiato proposto – conclude l’assessore Scoglio – non è stato “bocciato” dalla Regione Sicilia la quale si pronuncerà sulla proposta di variante, solo dopo l’acquisizione dei relativi pareri degli Enti che saranno espressi nella sede propria (Conferenza dei servizi) e successivamente in esito alla eventuale adozione del Consiglio Comunale, sarà volontà dell’Amministrazione di portare a compimento la realizzazione del ” Parco Ambientale Mortelle Tono” strumento fondamentale, unitamente al piano particolareggiato di Capo Peloro, per lo sviluppo turistico economico della nostra città”.