Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

23 novembre 21.45 Alluvione, Tranchida: “Per la provincia di Messina misure urgenti”

“Misure urgenti per la messa in sicurezza del territorio e l’avvio di una sinergia tra Stato e Regione per affrontare il grave problema di dissesto idrogeologico che interessa la provincia di Messina”. Sono queste le richieste avanzate dall’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, il messinese Daniele Tranchida nel corso della riunione che si e’ tenuta in prefettura a Messina, alla presenza dei nuovi ministri dell’interno e dell’ambiente giunti da Roma. “A partire dai grossi incendi che nel 2007 hanno causato ingenti danni al patrimonio boschivo e all’assetto dei suoli, l’intero territorio provinciale – dice l’assessore Tranchida – ha subi’to un progressivo degrado che si e’ manifestato piu’ volte. Percio’ abbiamo chiesto con forza al nuovo esecutivo di dare priorita’ assoluta alle
misure per la messa in sicurezza dell’intera provincia di Messina considerato che il 65 per cento delle aree censite all’ interno del Pai, il Piano sulle aree di dissesto, ricade proprio in questo territorio”. Tranchida ha sottolineato come l’alluvione di queste ore abbia colpito anche l’economia della zona provocando “forti danni alle aree florovivaistiche della piana di Milazzo e Barcellona e all’area artigianale della zona del Mela fortemente danneggiate”.

“La Regione – ha detto l’esponente del governo regionale presente all’incontro insieme all’assessore all’ambiente e territorio Sebastiano Di Betta – fara’ la sua parte cosi’ come e’ stato nel passato. E’ oggi ancora piu’ necessaria pero’ una sinergia tra Stato e Regione e lo sblocco immediato dei 162 milioni di euro promessi per Giampilieri e la zona di Nebrodi e mai arrivati”.