Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

23 novembre 17.31 Alluvione, la Cgil: “Il dissesto è cosa nota, ma dopo Giampilieri nessun intervento”

La Cgil Sicilia, la Cgil di Messina e la Flai regionale, in una nota dei segretari generali Mariella Maggio, Lillo Oceano e Salvatore Tripi, esprimono cordoglio per le vittime del nubifragio di Saponara. “Quello che fa piu’ rabbia- sostengono i tre sindacalisti- e’ il fatto che lo stato di dissesto del 70% del territorio siciliano e’ cosa piu’ che nota e che dopo Giampilieri non ci siano stati interventi di ripristino , recupero e messa in sicurezza del territorio”. Cgil, Camera del lavoro e Flai chiedono dunque al presidente della regione, Raffaele Lombardo, di “aggiungere fatti alle parole di cordoglio anche da lui espresse in queste ore e alle richieste al governo nazionale. La Regione- sostengono Maggio, Oceano e Tripi- ha competenze e risorse per contribuire a rimettere in sesto il territorio siciliano. Noi- sottolineano- chiediamo l’immediata costituzione di una task force regionale che, mettendo in sinergia l’aministrazione forestale e gli enti preposti alla tutela del territorio e cominciando con l’attuazione del piano
regionale di forestazione, avvii interventi nel territori dissestati e a rischio di frane”. Maggio, Oceano e Tripi sottolineano che “ci sono 184 milioni del Piano di sviluppo rurale per interventi di imboschimento di terreni agricoli da parte di privati sarannno ridotti a 112 milioni perche’ i privati non hanno presentato progetti. Questa e’ anche una cosa grave- osservano- sulla quale intervenire”.