Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

22 dicembre 11.43 Direttivo provinciale Fit Cisl. Intanto i lavoratori ex Servirail salgono sul tetto della stazione

Trasporti e mobilità sono le vertenze calde che stanno caratterizzando il Natale 2011. Il trasporto ferroviario con la lunga percorrenza e i treni notte di Servirail e la vertenza Atm, sono i nodi centrali attorno ai quali si è sviluppato il Direttivo provinciale della Fit Cisl di Messina, alla presenza del segretario generale della Cisl Sicilia, Maurizio Bernava, il segretario generale della Fit Cisl Sicilia Amedeo Benigno, il segretario generale della Cisl Messina Tonino Genovese e il segretario provinciale della Fit Cisl Enzo Testa.

“Dai trasporti e dalla mobilità dei beni e delle persone – ha evidenziato nel suo intervento Tonino Genovese – deve passare il futuro e lo sviluppo del nostro territorio. Messina e tutta la Sicilia pagano la desertificazione e la marginalità voluta e favorita dagli interessi di pochi e dal disinteresse di troppi, a partire da coloro che hanno responsabilità istituzionali di governo e dalla politica. E’ necessaria e inevitabile una forte presa di coscienza di tutta la comunità e avviare una mobilitazione generale per salvare Messina, oltre che l’Italia. Una mobilitazione – ha spiegato Genovese – non di una parte sola ma di un’intera comunità mortificata che non è più disposta a subire o accontentarsi di prebende o elemosine. O, peggio ancora, di promesse false. Una mobilitazione – ha concluso il segretario della Cisl messinese – non fine a se stessa ma costruita con proposte e soluzioni”.

Disamina condivisa dal segretario regionale della Cisl, Maurizio Bernava, che ha riservato alla platea della Fit parole ancora più dure e amare. “La crisi deve ancora iniziare – ha ammonito Bernva – vedremo nei prossimi mesi”, ha detto ricordando poi come “la Cisl aveva detto già nel 2003 cosa fosse urgente fare all’ATM e oggi ancora siamo a zero. Se il settore dei trasporti è sotto stress non è un caso. Le Ferrovie dello Stato sono l’espressione dell’economia nazionale, al nord lo sviluppo e al sud solo macerie. Non c’è crisi della politica, non c’è politica in Italia”.

Il segretario regionale della Fit Cisl, Amedeo Benigno, ha invece anticipato quale dovrà essere il prossimo, immediato impegno della Federazione Trasporti cislina. “Un impegno – ha detto Benigno – a estirpare la casta delle aziende municipalizzate, passaggio necessario per superare i problemi delle risorse pubbliche sia per l’ATM come nei servizi Ambiente”.

Per Benigno la vertenza Servirail si può risolvere “partendo dal recupero del diritto alla mobilità per i cittadini siciliani” mentre ha concluso con un passaggio su un’altra vertenza che ha caratterizzato il 2011 dei trasporti, quella di Bluferries “conclusa positivamente con un grande risultato per il lavoro della Fit Sicilia, Messina e nazionale”.

Al direttivo era presente anche una delegazione dei lavoratori Servirail che hanno appoggiato la linea della Fit CISL. Oggi i lavoratori hanno manifestato arrampicandosi sopra la tettoia della stazione di Messina Centrale in piazza della Repubblica. I lavoratori hanno deciso di trascorrere il Natale sulla tettoia se non dovessero arrivare ulteriori novità. Intanto oggi hanno consegnato una lettera all’Arcivescovo di Messina con la quale chiedono “svegli le coscienze di una città addormentata”.