Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

21 febbraio 11.09 Palazzo Zanca, stamane il progetto “La riscoperta dei santi messinesi per la riscoperta della nostra città”

“La riscoperta dei santi messinesi per la riscoperta della nostra città”, progetto educativo rivolto alle scuole cittadine di ogni ordine e grado, si è svolto stamane nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca.

L’incontro culturale, patrocinato dal Comune, è promosso dal Comitato Cittadino Maria SS. della Lettera, dall’AIMC (Associazione Italiana Maestri Cattolici) Sezione di Messina, dal Circolo ACLI – Historiae et Memoriae, dal Museo Cultura e Musica Popolare dei Peloritani, dall’Associazione Culturale Kiklos e dall’Associazione Amici del Museo.

Il progetto propone a docenti, studenti, alunni e genitori la riscoperta dei compatroni della città di Messina, illustri santi che hanno fatto la storia della fede, e la conoscenza di tradizioni, eventi, rappresentazioni iconografiche e devozionali del territorio messinese.

Dopo il saluto della

presidente Aimc di Messina, Angela Rizzo Faranda, i lavori sono stati introdotti da Antonio Tavilla, cui sono seguiti gli interventi di Marco Grassi, che ha illustrato la figura di “S. Placido Martire”, di Claudio Staiti, che ha relazionato su Sant’Alberto degli Abati, di Elio Tavilla, che ha parlato dei Santi Eleuterio e Anzia e di Franz Riccobono.

Hanno aderito all’iniziativa gli Istituti Comprensivi “Boer -Verona Trento”, “Cesareo”, “F. Petrarca”, “G. Martino – Tremestieri”, “Gallo – Mazzini”, “G. Leopardi”, “L. Da Vinci”, “Manzoni – Dina e Clarenza” e la Direzione Dittattica “N. Tommaseo”.

Al progetto è collegato un concorso, con gli studenti impegnati nella realizzazione di approfondimenti legati alle tematiche dell’appuntamento. Gli elaborati dovranno essere inviati dal 2 al 12 aprile alla sede dell’AIMC in via Minissale 18/A. Il 21 maggio, alle ore 9, nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca, si terrà la premiazione dei migliori elaborati, valutati da una commissione di esperti.