Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

21 aprile 11.16 Modifica regolamento Provincia, la Cisl: “Atto illegittimo”

Una nota ufficiale per esprimere il dissenso sulla modifica del Regolamento degli uffici e dei servizi e riassetto della struttura organizzativa deliberata dalla Provincia Regionale. A scriverla, indirizzandola al presidente della Provincia Ricevuto, al presidente del Consiglio provinciale e al segretario generale, è stato il segretario
provinciale della Cisl Fp, Calogero Emanuele. Il segretario provinciale della Funzione Pubblica ha voluto ribadire quanto già espresso nel corso del tavolo aperto dall’Amministrazione. “Consideriamo illegittimo il provvedimento che approva la modifica – sostiene nella nota Emanuele – visto che ancora non si era concluso il passaggio concertativo e che le modifiche apportate avrebbero richiesto un ulteriore passaggio al tavolo tecnico aperto e mai formalmente chiuso. Con la deliberazione inoltre è stato approvato il Piano di distribuzione delle funzioni e l’articolazione
in Unità Operative delle Unità Organizzative, argomenti dei quali non è stata data neanche informativa alle Organizzazioni Sindacali”. La Cisl Funzione Pubblica rileva l’assoluta incongruenza tra le motivazioni per la riorganizzazione e le soluzioni adottate che creano forti preoccupazioni sull’attuazione del provvedimento e soprattutto in merito a competenze e rapporti gerarchici. “Sono state sottovalutate – aggiunge ancora Emanuele – aree, come quella tecnica, dove a fronte dei gravi problemi sul territorio, non è stata data adeguata risposta, demotivando e svalorizzando le figure professionali presenti. Altre aree, come quella contabile-finanziaria  e nello specifico le competenze relative alla rendicontazione e al visto di regolarità o all’Ufficio di economato, sono state eliminate o depauperate, creando
conflitti di competenze e sovraesposizione e sminuendo professionalità a danno del raggiungimento di obiettivi essenziali alla vita dell’Ente. In ultimo, ma non per importanza, da sottolineare la svalorizzazione dell’area della geologia nella quale sembrerebbe che i funzionari geologi (ex 8 liv.) siano concentrati in un’unica struttura, insufficiente ed inadeguata per le attività svolte e con eventuali problemi di coordinamento”. La Federazione del Pubblico Impiego della Cisl ha inviato quindi
l’Amministrazione provinciale a completare il confronto sindacale intrapreso dando definizione al tavolo di concertazione ancora aperto prima di dare esecuzione all’atto deliberativo.